rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Notizie Mandello del Lario

Mandello tricolore per i 95 anni dei suoi alpini: "I nostri valori sempre attuali"

In tanti hanno applaudito il corteo delle penne nere, accompagnato da associazioni e autorità, in occasione dell'importante festa di compleanno

"Gli alpini hanno da sempre rappresentato il meglio che la nostra Italia potesse offrire: coraggio, solidarietà, abnegazione, amor di Patria e difesa dei confini. I nostri soci fondatori, reduci dalla Prima guerra Mondiale e quelli che, dopo la Seconda, hanno proseguito, con dedizione, la gestione del gruppo potevano ben vantarsi di essere animati da questi valori".

Alpini 4-8

Con queste parole il capogruppo Claudio Bianchi, ha aperto al teatro comunale De Andrè la due giorni dedicata ai 95 anni della fondazione degli alpini di Mandello del Lario. Un compleanno importante e significativo iniziati venerdì sera al teatro De Andrè con “Ritorneranno” la rievocazione storica della campagna di Russia ispirata dagli scritti del beato don Carlo Gnocchi. Ieri, sabato 30 aprile la manifestazione è entrata nel vivo con festa, corteo e interventi di alpini e autorità.

Alpini 5-9

Mandello si è mostrata tappezzata di bandiere tricolore a salutare la sfilata partita dalla piazza del municipio, dove alle 17 c'è stato l'ammassamento dei gruppi con i rispettivi gagliardetti, presenti all'evento.

Alpini corteo bella-3

Il corpo musicale, il gonfalone con i sindaci, Roberto Azzoni da Abbadia e per Mandello il vice, Andrea Tagliaferri, i Carabinieri, la Polizia locale e il gruppo del Soccorso degli Alpini di Mandello, la struttura sanitaria che porta il nome del Tenente Gildo Molteni che con altri, dall'indimenticato Luigi Conato, ebbero la lungimiranza di dotare la comunità e i comuni limitrofi di un servizio di assistenza e pronto intervento. 

Alpini Soccorso mandello-2

Alpini corteo-2

Davvero numerose le penne nere che hanno sfilato fino alla chiesa di San Lorenzo per la messa celebrata alle 18 da monsignor Giuliano Zanotta con al termine la deposizione della corona di alloro al monumento dei caduti di piazza Garibaldi.

Alpini 8-6

Alpini banda-2

Tanti gli applausi da parte di cittadini e turisti per coloro che con orgoglio indossano il mitico cappello con la penna nera. L'emblema dei soldati di montagna, di colore bianco per i più elevati in grado, come per il Maggiore Carlo Giovanni Cameroni, mandellese socio del locale gruppo, il quale ha voluto essere in piazza, per riprovare e condividere con gli altri alpini le emozioni suscitate da 95 anni di vita sezionale.

Alpini sindaci-2

L'aveva auspicato il giorno prima: "Quanto vorrei sfilare domani con i miei alpini". Cameroni classe 1935, richiamato tre volte a svolgere il servizio militare nelle caserme del Friuli, Alto Adige, Piemonte e Valle d'Aosta, all'evento dei suoi alpini - grazie alla disponibilità di persone che gli sono vicine giornalmente - è riuscito a essereci. Lì, a ritrovare il suo mondo, mescolato a storie di vita vissuta e di coraggio.

Alpini 7-5

Alpini agente-2

“Dignità e senso del dovere ci fanno rendere orgogliosi di essere Alpini, Alpini che per fortuna sono identificati come angeli della pace, sempre pronti ad intervenire dove serve, dove la gente soffre, con gentilezza, umiltà e rispetto" - ha sottolineato inoltre nel proprio discorso inaugurale il capogruppo Bianchi.

Alpini 1-2-7

Alpini spettacolo-2

Molto apprezzato anche l'interesse con cui gli alunni delle medie hanno seguito la rappresentazione mattutina del teatrale “Ritorneranno”, riproposta in accordo con il Comune di Mandello. Spazio quindi al coinvolgente evento del 95°, all'insegna del motto: "Alpini per un giorno, alpini per sempre".

Alpini 2-2-6

(Si ringrazia Alberto Bottani per le foto e la collaborazione)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mandello tricolore per i 95 anni dei suoi alpini: "I nostri valori sempre attuali"

LeccoToday è in caricamento