menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Janos Hasur

Janos Hasur

Un nuovo cd per il violinista mandellese Janos, a lungo sul palco con Moni Ovadia

Il musicista di origini ungheresi: «Il mondo è cambiato. Ma occorre riaffermare l'importanza dei valori della tradizione e della cultura in musica che non devono scomparire nell'interesse anche delle generazioni future»

Nel 1998 aveva registrato negli studi di Etnofon-Zaki di Budapest, sua città natale, un cd dal titolo “Violino solo” dedicandolo a Moni Ovadia, l'attore con cui ha suonato accompagnandolo negli spettacoli teatrali per ben dodici anni. Parliamo di Janos Hasur, magiaro di Buda che ebbe tra le mani il primo strumento, un violino, all'età di quattro anni. In Italia da oltre vent'anni, Janos ha trovato in Mandello del Lario la sua dimora fissa ispiratrice di musiche e divagazioni del pentagramma. Fedele al suo genere che affonda le radici nel panorama folk rivisitando i suoni della sua Ungheria, le melodie e le tradizioni di questi luoghi vibrano sulle corde del suo violino trasmettendo emozioni.

A Mandello e Olgiate il violino ungherese di Janos per la Giornata della Memoria

Janos, attingendo dal suo nutrito curriculum artistico ha voluto tornare alle origini incidendo di recente un cd live nato nel corso delle partecipazioni a happening di settore come quello di “Itinerari folk” che si tiene nella città di Trento. Hasur questa volta non è solo ma attorniato, nella fusione e miscellanea di suoni, dalla sua band iniziale i Vìzönto. Un percorso artistico nato nel lontano 1975, di oltre quarant’anni che non ha mai dissolto l'amicizia e la performance musico teatrale dei loro concerti con i tour in Europa, Canada, Stati Uniti e Medio Oriente.

Gilardoni Spa, un socio unico per il leader italiano dei raggi X

Poi la svolta italiana, nata, racconta il leader del gruppo Janos Hasur «dalla conoscenza di un gruppo italiano, l'Ensamble Havadia. Colpiti dal nostro progetto musicale ne sono nate con immediatezza simpatia e amicizia. Loro, capitanati da Moni Ovadia ci invitarono a suonare alla rassegna “Cantè i'euv” nelle Langhe in Piemonte, fu una settimana di gioia indimenticabile». Emozioni della medesima entità e portata rinnovate dalla registrazione live avvenuta presso il Giardino di Santa Chiara a Trento il 2 agosto 2016 e affidato al cd “Vizönto concerto” uscito in questo 2020. Con il violinista Janos Hasur, Gèza Fabri, voce, chitarra, kobsa, tamboura. Bèla Agoston, cornamusa, clarinetti, flauti popolari, voce e percussioni. Tamòs Valyi Nagy, contrabbasso, percussioni, fisarmonica, voce.

Come ricordato da Hasur, nel booklet contenuto nel cd: «Il mondo è cambiato, la musica, il mercato, il pubblico sono cambiati, ma noi ci siamo ancora a riaffermare l'importanza dei valori della tradizione e della cultura in musica che non possono e non devono scomparire nell'interesse anche delle generazioni future».

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Attualità

Tir bloccato in via Parini: rallentamenti nel centro di Lecco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento