rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Notizie Mandello del Lario

L'olimpionico che a 94 anni confeziona splendide opere artigianali

Giuseppe Moioli, medagliato ai Giochi di Londra nel 1948, racconta il suo hobby: "Intreccio gerletti, fin da piccolo ho imparato dagli anziani del paese come realizzare questi pezzi"

Non solo celebre e stimato campione olimpico nel 1948, ma anche abile intrecciatore di gerletti a 94 anni. Stiamo parlando di Giuseppe Moioli, residente nella frazione di Olcio, a Mandello del Lario. Proprio nel lontano 1948 il rione mandellese salì agli onori della cronaca sportiva mondiale grazie al nome e alla persona di Giuseppe Moioli, nato in quel contesto l'8 agosto 1927: a 30 anni regalò con i compagni di squadra Elio Morille, Franco Faggi, Giovanni Invernizzi, la medaglia d'oro olimpica ai Giochi di Londra nel "quattro senza". Una storia nota a tanti, se non a tutti, nel territorio lecchese.

Canottaggio: Moioli riceve il "Medallion d'honneur"

In una mattina di aprile abbiamo incontrato l'ex canottiere Moioli in un'altra, più insolita veste legata alla normalità delle sue giornate e alle tradizioni del territorio. Giornate nelle quali, oltre a non rinunciare ad inforcare la bicicletta per raggiungere la Canottieri Moto Guzzi e monitorare la fucina di nuove leve del canottaggio, coltiva anche un hobby. Nell'abitazione di Giuseppe nascono infatti, dall'abilità delle sue mani, dei veri capolavori di artigianato "made in Olcio".

Moioli 2 (2)-2

Nella frazione dove è nato anche l'attuale sindaco Riccardo Fasoli con trascorsi a sua volta nel canottaggio, Giuseppe Moioli crea cesti, cestini, gerle, e anche piatti su cui depositare la calda polenta. E ci racconta di questo passatempo, mentre con gli arbusti raccolti sulle colline della zona intreccia un gerletto.

"Fin da piccolo ho imparato dagli anziani del paese come realizzare questi pezzi - spiega il campione sportivo - Ricordo che di gerla ne costruivano parecchie per usarle poi nella raccolta dell'uva che qui a quei tempi cresceva abbondante. Gli arboscelli, per essere lavorati si devono usare ancora quando sono verdi, quindi di facile impiego in queste creazioni". La materia prima è accatastata in un angolo del suo spazio laboratorio dove passione e inventiva generano dei piccoli capolavori di artigianato.

Moioli 2-2

Qui il tempo si è positivamente fermato, perchè si respira ancora il ritmo delle stagioni, dove i periodi sono ancora legati al sole, al vento, alla pioggia. Un pensiero stoppato per un attimo dalla domanda di Giuseppe, rivolta al cronista "Hai saputo cosa hanno fatto questa mattina i ragazzi della Canottieri, in gara? Sono le undici dovrebbe essere terminata..." Quindi, oltre alla sue creazioni, il pensiero corre sempre là, al remo che fin da giovane lo aveva stregato e portato sul podio dei grandi successi. Dai trionfi alle creazioni in vimini, il tutto made in Olcio.   

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'olimpionico che a 94 anni confeziona splendide opere artigianali

LeccoToday è in caricamento