Venerdì, 17 Settembre 2021
Notizie Mandello del Lario

Padre Alessandro Lafranconi riparte per una nuova missione a Tahiti

Da tempo il religioso mandellese svolge compiti importanti in terre lontane. Ecco i suoi nuovi incarichi

Padre Alessandro Lafranconi

Quando leggeremo questo articolo, padre Alessandro Lafranconi, Sandro per gli amici, si troverà già nella sua nuova missione nella lontana Tahiti. Mandellese, nato vicino alla parrocchiale del Sacro Cuore e formatosi al Seminario Minore di Como, venne ordinato sacerdote il 3 luglio 1976. Tre mesi dopo la prima destinazione in Costa d’Avorio per il ministero missionario. Dopo un anno sabbatico padre Lafranconi è ora stato destinato nel cuore dell’Oceano Pacifico nella Polinesia francese.

L'apprensione per le sorti del confratello rapito in Niger e da poco liberato

Padre Alessandro, 70 anni compiuti a marzo, vive e rivive dei trascorsi missionari a Guadalupa, l’isola delle Antille tra Antigua e Barbuda e Dominica, appartenente alla Francia. Esperto di fotografia, cinema, comunicazione, ha militato corrispondendo con Misna la Missionary International Service News Agency, l’agenzia di stampa internazionale, chiusa il 31 dicembre 2015. Uno spirito sacerdotale missionario poliedrico il suo, che non ha mancato di fargli vivere momenti di vicinanza e apprensione per le sorti del confratello Gigi Maccalli, rapito in Niger e da poco liberato.

Inaugurata la nuova sede Auser di Mandello

Padre Lafranconi, con 45 anni di ministero alle spalle è tornato ad affrontare questa nuova sfida. Attraverso un'intervista rilasciata al giornalista padre Giulio Albanese pubblicata dallo stesso sul suo profilo Facebook emergono quali saranno gli impegni che attendono il sacerdote mandellese nativo delle frazione di Molina. Si tratta di incarichi da ricoprire all’interno dell’arcidiocesi di Papeete: vicario della parrocchia di san Giuseppe a Faa’a a due passi dall’aeroporto internazionale di Tahiti; e parroco della chiesa della Santa Famiglia, sull’isola di Huahine non lontana dalla rinomata Bora Bora. Il missionario mandellese sarà poi collaboratore del locale ufficio della Pastorale delle comunicazioni sociali che si occupa della pubblicazione di “Vè a Katorika” un mensile in lingua tahitiana e “Le Semeur Tahitien” un bimestrale in francese.

I cattolici in quei luoghi sono poco meno del 40% della popolazione che conta 275 mila abitanti circa, sparsi su un territorio di 4.167 kmq, poco meno dell’ampiezza della diocesi di Como. A padre Sandro è andato nei giorni scorsi l’augurio da parte di tutta la comunità pastorale di Mandello del Lario per un'altra felice e proficua missione.   

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre Alessandro Lafranconi riparte per una nuova missione a Tahiti

LeccoToday è in caricamento