A Mandello un "supermercato solidale" per aiutare le persone in difficoltà anche durante la ripresa

Continuano le iniziative di Comune e associazioni per l'emergenza Covid. Presto potenziato il servizio di distribuzione di cibo e beni di prima necessità a favore dei più fragili

Luca Picariello, assessore ai Servizi sociali di Mandello.

Continuano anche a Mandello le iniziative di solidarietà nei giorni dell'emergenza Coronavirus. Mobilitati Comune, Protezione civile e associazioni. L'Amministrazione ha messo a punto un largo piano di aiuti anche per coprire esigenze che si manifesteranno nella cosiddetta Fase 2, quella delicata della ripresa. Parallelamente Caritas e Confraternita San Vincenzo cercano di sostenere le persone più fragili nei pagamenti degli affitti, delle utenze domestiche e nell'acquisto dei generi alimentari. Al loro fianco c'è l'assessorato ai Servizi sociali che sta attivando il "supermercato solidale" con la distribuzione di pacchi alimentari contenenti generi di prima necessità.

«Sarà un'estensione del servizio che viene già offerto da tempo con il Last Minute Market - spiega l'assessore Luca Picariello - Lo stesso che abbiamo pensato di estendere utilizzando uno spazio più grande, come l'ex palestra in via XXIV Maggio che potrà darci l'opportunità anche di distribuire frutta, verdura, ed altri prodotti. Il tutto grazie alla preziosa collaborazione della Protezione Civile che si occuperà della consegna».

«Forse non è andato tutto bene...» i selfie-protesta dei lavoratori dell'ospedale di Lecco

L'iniziativa è resa possibile grazie al contributo di oltre 54.000 euro ricevuto per l'emergenza sanitaria. Di questi, 27.500 sono stati utilizzati per soddisfare circa 90 richieste ricevute per l'erogazione dei buoni spesa. Dei 26.872 euro rimanenti, l'impiego sarà indirizzato al nuovo servizio. Un aiuto concreto, quello del "supermercato solidale" che potrebbe sostenere un buon numero di famiglie per un arco di tempo di almeno sei mesi dopo l'emergenza.

In distribuzione a Mandello 12.000 mascherine

«Difficile fare una stima, ma credo che oltre ai quaranta nuclei famigliari che già seguiamo come servizi sociali potrebbe aggiungersene un'altra trentina visto l'andamento economico attuale e anche la difficoltà di coloro che non possono tornare al lavoro, o peggio ancora sono rimasti senza un impiego - aggiunge l'assessore - Saremo noi come Comune ad individuare i soggetti bisognosi e comunicheremo loro le modalità per accedere al market». La macchina della solidarietà che non conosce soste e fermate ha già mostrato i propri frutti. «Abbiamo già ricevuto donazioni dalla San Vincenzo e una settantina di pacchi da privati cittadini» - conclude l'assessore ai Servizi Sociali. (Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

  • Titolare senza mascherina, clienti all'interno: chiuso bar di Oliveto Lario

Torna su
LeccoToday è in caricamento