rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Il ricordo / Santo Stefano / Via Belvedere

La Casa degli Angeli ricorda suor Nazarena con una messa

Per tanti anni preside dell'Istituto lecchese, è scomparsa poche settimane fa

Una messa per ricordare suor Nazarena Malandrini. Per tanti anni preside (1995-2021) della "Casa degli Angeli", la donna è scomparsa alla fine di ottobre, precisamente durante la notte tra venerdì 21 e sabato 22 ottobre, all'interno della Casa Di Riposo San Giuseppe di Gazzaniga (Bergamo) dov'era ricoverata da qualche tempo. Venerdì 11 novembre alle ore 17 la cappella sita all'interno dell'Istituto di via Belvedere, 29/31 ospiterà la celebrazione eucaristica d'inizio anno scolastico e durante l'occasione si pregherà e ricorderà la figura della suora.

La Santa Messa sarà celebrata da don Giuseppe Pellegrino, vicario della Pastorale Giovanile presso la Comunità Pastorale Beato Giovanni Mazzucconi e Beato Luigi Monza in San Giovanni di Lecco. “Tutti coloro che desiderano, terminata la celebrazione della Santa Messa, effettuare un intervento in ricordo di suor Nazarena, diano gentilmente cenno in modo tale gestire tempi e modalità”, ricorda il coordinatore didattico prof. Manolo Cortesi attraverso un messaggio rivolto agli interessati.

La scomparsa di suon Nazarena Malandrini

“In questo momento di particolare tristezza e dolore ci sia di conforto e speranza la preghiera, nella consapevolezza che l’immagine di suor Nazarena riflette viva in tutti i nostri cuori”: così lo stesso Cortesi ha annunciato, il 22 ottobre, la scomparsa della donna, i cui funerali si sono tenuti lunedì 24 ottobre all'interno della Casa Di Riposo San Giuseppe di Gazzaniga. 86 anni compiuti, la donna si è spenta intorno alle tre di notte: “È stata sempre il faro e ha trasmesso il proprio carisma alla scuola dal 1994, ha sempre insegnato lettere fino a diventare preside. È stata fautrice dei successi degli ultimi anni, un riferimento pedagogico per intere generazioni. Ha lavorato con serietà e in modo indefesso, mettendosi a disposizione di tutti. Ha accolto tutti in modo disinteressato, compresi coloro che presentavano delle difficoltà economiche e di apprendimento”. Il ricordo di quei giorni è del professor Dante Barbieri, presidente del consiglio di amministrazione della cooperativa sociale Casa degli Angeli, affidato a LeccoToday.it.

“Ha lasciato un’impronta importante nei ragazzi e nelle famiglie, battagliando fino all’ultimo momento. Dopo aver ereditato la carica da madre Noemi, ha dato tutta la sua vita ed esperienza per la scuola. Il dolore è immenso, sarà un faro anche per continuare la nostra opera, che fu delle Suore della Riparazione prima di passare alla cooperativa sociale - prosegue Barbieri -. Dopo aver contratto il covid insieme a me durante il mese di marzo 2020 è stata progressivamente rallentata dalla malattia. Lascia il mondo terreno in pace, ha fatto tutto quello che era possibile”.

“Perdiamo una grande donna”

Il lascito è importante: “Il suo amore per gli alunni, si sarebbe buttata nel fuoco per prenderli sotto la propria ala. Tante volte scoprivo dopo che accettava alunni di famiglie non in grado sostenere le rette. M'innvervosivo, perchè chiaramente c'è un bilancio da far quadrare, ma era il suo modo di fare e far vivere la scuola. Perdiamo una grande donna, che oggi avrebbe potuto dirigere il nostro Paese perchè non aveva paura di nulla. Combatteva con chiunque, superiori compresi, per la sua causa. In questo senso è stata ribelle, innovatrice, un inno al cambiamento e alla vita, ma senza lasciar perdere l’aspetto ludico. Ha sempre amato i suoi alunni, tanti ragazzi affranti dal dolore mi stanno scrivendo perché sembrava poter durare in eterno. Il suo insegnamento sarà sempre con noi, al suo funerale manderemo una delegazione senza chiudere la scuola perché non l’avrebbe voluto”.

suor nazarena malandrini2-2

Riguardo al metodo d'insegnamento, era stata stata in grado di “far amare la disciplina come spesso non accade oggi, con autorevolezza e decisione. La sua opera è stata grande, nel nostro piccolo siamo riusciti a fare dei piccoli miracoli insieme a lei. Prima di tutto era stata maestra alle elementari, poi si è laureata in Lettere alla Cattolica e dal 1994 si è divisa con la presidenza fino a 7-8 anni fa, quando l’ho convinta a far solamente la preside. Ha lasciato con dolore l’insegnamento, svolgendo bene anche il ruolo di manager: aveva tante qualità e uno spirito di servizio che ha fatto parte di quelle generazioni. In confronto a lei mi sento piccolo piccolo, nonostante i trent’anni di lavoro nella scuola. Ha sempre avuto uno spirito guerriero, ci rappresenterà sempre in questo mondo. Una grande donna, un grande personaggio del mondo lecchese”, ha concluso commosso Barbieri.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casa degli Angeli ricorda suor Nazarena con una messa

LeccoToday è in caricamento