rotate-mobile
L'ultima giornata / Santo Stefano / Piazzale dei Cappuccini

Eclettico e discusso: a Lecco arriva Morgan

Il noto artista sarà di scena al Cenacolo Francescano per "Lecco, città dei Promessi Sposi"

Marco "Morgan" Castoldi atterra a Lecco. L'eclettico e noto artista sarà di scena domenica 16 ottobre nell'ambito del festival "Lecco, città dei Promessi Sposi". Appuntamento alle 21 al Cenacolo Francescano di piazza Cappuccini, rione Santo Stefano della città capoluogo. Non sarà l'unico evento della densa giornata lecchese, caratterizzata da vari momenti in varie zone della città per l'ultima giornata.

"Lecco, città dei Promessi Sposi": domenica 16 ottobre

PRIMO APPUNTAMENTO
La mattina inizia con una ricca colazione in Villa Manzoni, preparata dagli alunni del CFPA Enaip di Lecco, guidati dal famoso pasticcere Marco Gennuso, specialista nei dolci ottocenteschi e ideatore delle praline ispirate ai personaggi dei Promessi sposi, che anticiperà la visita guidata del Museo Manzoniano. Il tema scelto per l’occasione sarà narrato dal filosofo Davide Innocente e riguarderà il problematico riflettere sul ruolo della Provvidenza nella vita e nell’opera di Manzoni. Il percorso sarà arricchito anche da alcune letture di brani inerenti all’argomento, grazie alla collaborazione di Ina Cara.

Ore 09:00 - Villa Manzoni
BREAKFAST IN VILLA
Colazione con visita guidata del Museo Manzoniano
ORE 09:30 - Villa Manzoni
I racconti della Provvidenza nella vita e nell’opera di Manzoni

SECONDO APPUNTAMENTO
Per valorizzare il percorso dei famosi Luoghi Manzoniani continuando il mood inaugurato l’anno passato con l’acclamatissima mostra “I passaporti dei promessi sposi”, è stato studiato un circuito di installazioni all’insegna delle radici identitarie dei lecchesi di oggi con i personaggi del romanzo di Manzoni, lecchesi di allora. Le postazioni, ideate nella grafica e negli apparati digitali da Paolo Vallara, sono collegate a ricchi contenuti multimediali richiamabili da chiunque con il proprio smartphone puntato sui pannelli. Per inaugurare le nuove istallazioni, nell’area dell’“Addio monti…” a Pescarenico, si terrà un flash mob, che vuole coinvolgere tutta la comunità e in particolare i giovani. I partecipanti si riscopriranno nell’identità di uno dei protagonisti attraverso un test interattivo. L’evento comprenderà anche il laboratorio creativo: “Esplora i personaggi dei Promessi Sposi”, ideato dalla designer e artista Manuela Sormaniper avvicinare i bambini dai 6 ai 10 anni alla famosa opera letteraria. 

Ore 11:00 - Pescarenico, Piazza Era / Area “Addio monti...”
IERI COME OGGI: I PROMESSI SPOSI SONO QUI!
Flash mob con l’inaugurazione del nuovo Percorso creativo nei Luoghi Manzoniani

TERZO APPUNTAMENTO
Durante l’incontro, che verrà condotto con l’intento di coinvolgere i presenti in un’atmosfera da salotto letterario, i professori Margherita De Blasi (Università di Napoli L’Orientale) e Francesco De Cristofaro (Università di Napoli Federico II) approfondiranno il tema della ricerca della verità storica e, da questo punto di vista, della relazione esistente tra l’indagine dello storico e la sua restituzione in forma di romanzo. Questa è stata, del resto, anche la questione fondamentale su cui si è interrogato Alessandro Manzoni per tutto il corso della sua vita.
Lo spunto, di grande attualità per il richiamo a temi come la discriminazione di genere e il conflitto tra l’approccio scientifico e i pregiudizi alimentati dalla circolazione di false notizie, è dato da una vicenda reale avvenuta nell’epoca de I promessi sposi: il processo subito nel 1617 a Milano da Caterina Medici, serva presso casa Melzi, donna acculturata e per questo vista con sospetto, accusata ingiustamente di stregoneria, arrestata, torturata e dopo immani sofferenze impiccata e bruciata. Di questa triste vicenda, studiata da Pietro Verri nella sua Storia di Milano, aveva fatto cenno anche Alessandro Manzoni nell’edizione del 1827 de I promessi sposi.
La storia che per la prima volta nel 1829 era stata riportata alla luce dal romanzo di Achille Mauri Caterina Medici di Brono (recentemente ripubblicato a cura di Margherita De Blasi dall’editore Officina Libraria) e riproposta da Leonardo Sciascia ne La strega e il capitano (1986), nei quali viene trattato un fatto vero. Mauri, peraltro, è ritenuto da tutti i maggiori studiosi manzoniani come il più probabile autore del misterioso compendio manoscritto del capolavoro manzoniano, custodito ed esposto nel Museo Manzoniano di Lecco. Durante l’incontro di brani tratti dai romanzi del Mauri e di Sciascia saranno letti dall’attrice lecchese Giusi Vassena.
L’appuntamento sarà inoltre accompagnato da una degustazione de “La pasticceria piemontese e lombarda all’epoca di Alessandro Manzoni”. L’assaggio comprenderà biscotti, friandises e praline realizzate in collaborazione con il CFPA Enaip Lecco.

Ore 15:00 - Villa Manzoni
TEA TIME IN VILLA
Salotto letterario
Il processo a Caterina Medici: violenza di genere e fake news nell’epoca dei Promessi Sposi

QUARTO APPUNTAMENTO
Ore 17:00 - Villa Manzoni
Presentazione del romanzo storico “La donna del gioco” di Gianluigi Daccò, Cinquesensi editore
Lettura ad alta voce
Intervengono Gianmarco Gaspari (Università degli Studi dell’Insubria), Sara Vitali (editrice) e l’autore.
Lettura ad alta voce di brani del romanzo a cura di Gianfranco Scotti.

QUINTO APPUNTAMENTO
Ore 21:00 - Teatro Cenacolo Francescano
CANTA/STORIA
Incontro con Morgan
Prenotazione obbligatoria | Quota di partecipazione € 10

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eclettico e discusso: a Lecco arriva Morgan

LeccoToday è in caricamento