rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Notizie Pagnona

Morì sul Legnone: i genitori incontrano i volontari che lo cercarono

A distanza di due mesi dalla tragedia, i famigliari di Alessandro Busi conoscono i volontari del Soccorso alpino e li ringraziano per la vicinanza e l'umanità dimostrate

A circa due mesi dalla tragedia sul Monte Legnone, nel comune di Pagnona, dove ha perso la vita l'alpinista Alessandro Busi, i famigliari di Alessandro hanno voluto incontrare i volontari che hanno partecipato ai tre giorni di ricerca e recupero del figlio. Nella tarda mattina di sabato 5 marzo una delegazione di circa 15 tecnici della Stazione Valsassina e Valvarrone, insieme ai genitori e ai fratelli di Alessandro, si sono ritrovati presso la sede, dove c'è stata l'occasione di conoscersi con un ricco scambio di emozioni.

La famiglia ha desiderato ringraziare le squadre di soccorso per la dedizione e la professionalità ma soprattutto per l'umanità da loro dimostrata nell'accompagnamento in un momento tanto delicato. La famiglia ha chiesto di estendere il saluto e ringraziamento a quanti non erano presenti all'incontro, sia del Soccorso alpino sia degli altri corpi, Guardia di finanza, Vigili del fuoco e Carabinieri forestali.

L'incontro è terminato con un pranzo nella vicina trattoria. A partecipare anche il sindaco del comune di Valvarrone Luca Buzzella, sempre presente durante le giornate di ricerca al rifugio Roccoli Lorla, dove era stato allestito il centro di coordinamento dei soccorsi. Anche il prefetto di Lecco, Castrese De Rosa, da poco trasferito in provincia di Ravenna, ha voluto far sentire la sua vicinanza con una telefonata privata alla famiglia Busi.

"Dalla passione per la montagna nasce amicizia"

"Di fronte a queste inspiegabili disgrazie è importante sia per i famigliari, sia per i soccorritori, trovarsi e conoscersi perché alla fine la passione per la montagna, oltre che arricchire, può far nascere solidi rapporti di amicizia. È stato bello trovarsi, conoscersi e mettere il germe di un bel rapporto di amicizia, come è vero che tutti noi abbiamo la passione della montagna - spiegano dal Soccorso alpino - Il rispetto e il legame che la famiglia di Alessandro ha dimostrato nei confronti dei nostri soccorritori, in particolare verso la Stazione di Valsassina e Valvarrone che ha seguito ogni momento di questa triste vicenda, rappresentano una gratificazione molto importante a sostegno dei nostri volontari, soprattutto nei momenti più difficili, quando è fondamentale mantenere solida la motivazione che serve per continuare a impegnarsi nelle attività di soccorso per le persone in difficoltà".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì sul Legnone: i genitori incontrano i volontari che lo cercarono

LeccoToday è in caricamento