Notizie Alto e Basso Lago / Via Parodi

Il Motoraduno è un successo turistico: "Strutture ricettive a pieno regime"

Il commento entusiastico dell'assessore Silvia Nessi: "Riflessi positivi su tutto il territorio: le medie stagionali indicano un aumento del 30% rispetto allo scorso anno"

Un successo, con almeno 20mila presenze nell'arco di quattro giorni. Il Motoraduno internazionale della Moto Guzzi, che ha festeggiato 102 anni di storia, è stato come sempre momento di grande festa: biker da ogni angolo d'Italia e d'Europa, associazioni, club, semplici curiosi hanno raggiunto Mandello a bordo delle proprie due ruote e di mezzi coloratissimi.

Ancora, dopo così tanti anni dalla prima volta, di nuovo, tante persone provenienti da ogni regione d'Italia, dalla Francia, dal Belgio, dalla Spagna, dalla Germania, dall’Inghilterra, da ogni parte d’Europa e anche oltre.

L'assessore al Turismo e al Commercio Silvia Nessi ha commentato con soddisfazione l'edizione 2023. "Vorrei prima di tutto complimentarmi con il Comitato organizzatore, ma anche con gli operatori dell'accoglienza e del commercio che si sono prodigati nell'accogliere le migliaia di guzzisti accorsi a Mandello - spiega - Come assessore non posso che riferire la soddisfazione degli operatori. Ogni esercizio commerciale si è attrezzato per offrire il meglio ai guzzisti e ai loro accompagnatori: vetrine addobbate, prodotti ad hoc, punti di ristoro e molto altro hanno contribuito a rendere questo raduno appena trascorso una grande festa collettiva".

"Strutture ricettive esaurite"

Per quanto riguarda le strutture ricettive, i numeri registrati sono stati a loro volta ottimi. "Anche chi si occupa di ospitalità si è dato da fare non poco: ogni hotel, ogni casa vacanze, ogni b&b, fino al campeggio si sono attrezzati con materiale informativo di tutti i tipi; hanno allestito spazi per accogliere non solo le persone, ma anche le loro motociclette e hanno offerto con gioia ogni tipo di assistenza. Il Motoraduno arriva alla fine di una stagione davvero soddisfacente nella quale si è registrato un aumento dell'occupazione pari al 30% rispetto all'anno precedente e portando così la media estiva a superare abbondantemente il 90%. Inutile dire che dal 7 al 10 settembre si è toccato praticamente il 100% di occupazione! La legge della domanda e dell'offerta ha imposto un ritocco delle tariffe nei giorni del raduno portandole a prezzi da altissima stagione, ma l'aumento non ha mai toccato il +25% rispetto all'estate. A onor del vero un paio di 'furbetti' sono spuntati, ma fortunatamente con scarso successo".

Non solo Mandello: l'eco dei motori è giunta anche oltre i confini. "Il territorio circostante ne ha inevitabilmente beneficiato portando i motociclisti ad alloggiare in tutta la provincia - continua l'assessore Nessi - Il Motoraduno è un evento così sentito da coinvolgere molti Paesi europei e, nelle date più significative, anche del mondo. Vorrei sottolineare il fatto che, per fortuna degli operatori e anche grazie alla loro professionalità e dedizione, la maggior parte delle strutture in paese ha già ricevuto le conferme di prenotazione per l'anno prossimo (anche a date non fissate!) a beneficio dei colleghi dei paesi vicini. L'ultima informazione riguarda gli accessi al nostro Infopoint regionale in zona lago: durante il motoraduno, da giovedì pomeriggio a domenica, abbiamo avuto 196 accessi per ogni tipo di richiesta, ma mi preme sottolineare che una grossa parte di queste richieste di informazioni non ha riguardato l'evento in sé, a riprova del fatto che il nostro territorio attrae anche per le bellezze naturalistiche che ci circondano e per i suoi luoghi d'arte e di culto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Motoraduno è un successo turistico: "Strutture ricettive a pieno regime"
LeccoToday è in caricamento