rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noseda, cinque anni fa l'impresa nell'Atlantico: "Quei momenti non se ne vanno mai"

La straordinaria traversata a bordo di una piccolissima Star, preparata a Mandello, rivive in un docufilm: "Un giorno spero di tornare là dentro, faccia a faccia con la bestia"

L'11 novembre 2017 Dario Noseda salpò da Tenerife, Spagna, per attraversare l'Oceano Atlantico. E scelse una Star, un'imbarcazione piccolissima, lunga meno di 7 metri e larga un metro e mezzo. In pratica traversò a bordo di un grosso tappeto galleggiante e vi rimase sopra per 33 giorni, con tanto di pericoli mortali durante il viaggio e naufragio finale contro gli scogli dell'isola di Santa Lucia, nei pressi di Martinica.

LeccoToday raccontò passo passo un'impresa che a distanza di cinque anni rivive nel docufilm realizzato dal giornalista Stefano Bolotta, nostro collaboratore, che ha intervistato Noseda "a distanza", essendo il velista impegnato in regate in giro per il Mediterraneo.

"Volevo godermi la solitudine"

"Volevo rimettermi alla prova anche se non ero più di primo pelo - ricorda adesso, cinque anni dopo - Volevo godermi in solitudine i momenti e stare in mezzo al mare con i suoi rumori". All'epoca Noseda viveva a Mandello, dove per anni condusse un negozio di abbigliamento nautico. E proprio in un capannone in via Rogola preparò la sua imbarcazione, Pa2ush, per attraversare l'Atlantico.

Scelse una Star, "una barca straordinaria che sapevo ce l'avrebbe fatta, e che si meritava un'impresa di questo genere". Tantissimi i momenti da ricordare:  Dario accusò un guasto all'impianto elettrico e fu costretto a fermarsi a Capo Verde per sistemarlo, e nella notte tra il 7 e l'8 dicembre venne scaraventato in acqua da una tempesta. Niente di tutto questo, però, riuscì a fermarlo. "Ero determinato ad arrivare, arrivano tutti, anche con le vasche da bagno. Non vedo perché non avrei dovuto farcela".

Dal 2017 al 2022: cinque anni dopo, cosa ha lasciato questa impresa a Dario Noseda? "Quei momenti non ti escono mai, sono un ricordo costante - spiega - Sembrerà una frase fatta, ma sono i momenti più belli della mia vita. Speri ogni giorno di poterci ritornare, speriamo di poterlo fare presto".

Sullo stesso argomento

Video popolari

Noseda, cinque anni fa l'impresa nell'Atlantico: "Quei momenti non se ne vanno mai"

LeccoToday è in caricamento