rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Notizie Civate / Via Broggi

L'Orrido di Civate è stato finalmente riaperto

Nella serata di martedì si è tenuta una suggestiva inaugurazione

Sono serviti tre anni quasi completi per ridare l'Orrido di Civate alla comunità. A inizio ottobre 2018 la caduta di alcuni massi dalla parete rocciosa scavata dal torrente Toscio aveva reso necessaria la chiusura di quel suggestivo tratto del paese lecchese, frequentato e molto spesso utilizzato come collegamento pedonale con la Valle dell'Oro. A inizio agosto sono terminati i lavori finanziati da Regione Lombardia (costo: 400mila euro), che hanno portato all'installazione anche di alcune reti paramassi e hanno permesso di riaprire la passerella, che si estende per circa 175 metri da via Broggi a via Valle dell’Oro.

Il nuovo Orrido di Civate

Nella serata di martedì 28 settembre si è tenuta l'inaugurazione, allietata dalle note dello Spirabilia quintet, gruppo musicale locale. “Dopo il disgaggio del materiale instabile e la pulizia della vegetazione infestante – aveva spiegato il vicesindaco Simone Scola in estate - sono state installate reti in aderenza alla parete rocciosa, tiranti a barre dywidag fissati direttamente sulle pareti e barriere orizzontali a sbalzo, sopra la passerella pedonale”.

“Questo passaggio – gli aveva fatto eco il sindaco Isella - è sempre stato utilizzato, non solo dagli escursionisti, ma anche dai residenti delle frazioni alte di Mombello e della Valle dell’Oro. Con il ripristino del transito pedonale i residenti possono finalmente recarsi in centro paese più velocemente”. Il primo cittadino ha officiato la cerimonia del taglio del nastro insieme al consigliere regionale Mauro Piazza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Orrido di Civate è stato finalmente riaperto

LeccoToday è in caricamento