menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Progetto per ospedale hub in Fiera, quasi pronto il documento definitivo

Le donazioni salgono a 14.631.000 euro. L'assessore regionale Caparini: «Risorse che serviranno ad acquistare dotazioni, strumentazioni e beni di prima necessità per proteggere medici e infermieri»

«Il progetto dell'ospedale hub per le terapie intensive in Fiera Milano da temporaneo è evoluto in una struttura che avrà la dotazione necessaria per offrire assistenza che coprirà il lasso di tempo necessario per sconfiggere il coronavirus». 

Lo ha sottolineato l'assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione Davide Caparini intervenuto mercoledì alla diretta Facebook sugli aggiornamenti coronavirus trasmessa dalla pagina di Lombardia Notizie online. «Entro domani - ha detto ancora Caparini - sarà elaborato il progetto definitivo, con la validazione dei tecnici si darà il via al "giorno zero" dal quale inizierà il count-down al termine del quale il primo paziente potrà entrare in terapia intensiva».

Coronavirus, l'assessore Gallera va piatto: «Chiederemo di chiudere tutto»

L'assessore Caparini ha anche espresso grande apprezzamento per le donazioni che «stanno aumentando in modo commovente: tantissimi lombardi e italiani, ma anche benefattori di ogni parte del mondo che donano da 100 euro fino a milioni per aiutarci a realizzare l'ospedale in Fiera e fare tutto ciò che serve per offrire assistenza ai nostri malati. Aspettiamo la fine dell'emergenza - ha proseguito - per poterli abbracciare». 

A oggi le donazioni ammontano a 14.631.000 euro. «Queste risorse serviranno - ha precisato Caparini - anche per l'acquisto di dotazioni e strumentazioni. Non solo donazioni in denaro ma anche beni di prima necessità per proteggere medici e infermieri in corsia e per il personale che deve fronteggiare l'emergenza. Continua intanto la "corsa internazionale" - ha aggiunto l'assessore regionale - per procurarci i ventilatori, veri e propri cuori pulsanti per la costruzione di posti per la terapia intensiva».

L'assessore ha voluto ringraziare anche le case farmaceutiche, tra le quali la Roche e la Recordati, che hanno deciso di donare farmaci per le cure ai malati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Attualità

Tir bloccato in via Parini: rallentamenti nel centro di Lecco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento