Piantumazione alla scuola di Pescate, tra qualche anno spunteranno tartufi

Lezione green per gli alunni delle medie che hanno messo a dimora 16 piantine di nocciolo, cisto e carpino micorizzate al tartufo nero. Presto anche una degustazione del prezioso tubero con docenti e genitori

La piantumazione fatta oggi nell'area verde della scuola media di Pescate. I giovani alunni hanno preso lezione dall'Associazione Tartufai Lariani.

Sedici piantine di nocciolo, cisto e carpino micorizzate al tartufo nero sono state messe a dimora nel primo pomeriggio di oggi dagli alunni della scuola media di Pescate, insieme ai volontari dell’Associazione Tartufai Lariani. L'iniziativa rientra in un progetto ideato dall’Amministrazione comunale, curato dal vicesindaco Miriam Lombardi, e recepito dalla scuola media San Giovanni XXIII di Pescate, che ha permesso l’impianto di piantine nel prato dell'istituto.

I tartufi sono pregiati funghi sotterranei che nascono e crescono in simbiosi con le radici di specifiche piante. Alcuni sono stati scoperti qualche tempo fa nei terreni a lago di Pescate. Quello simbiotico con le piante è un rapporto di reciproco aiuto: il tubero trae dalla pianta le sostanze che lo aiutano a svilupparsi e nel contempo ne rilascia altre, di cui la pianta si nutre. La micorizzazione è dunque una sorta di coltivazione: condizioni climatiche e terreno fanno il resto.

Scoperta la presenza di tartufi a Pescate

«Nel giro di quattro/cinque anni questi alberelli daranno i pregiati frutti del miglior tartufo nero, il “melanosporum” appunto, detto anche il Nero di Norcia - fa sapere il sindaco Dante De Capitani - Lo scorso mese di ottobre era stato promosso un incontro scolastico di preparazione e di conoscenza del tartufo a cura dei volontari dell’associazione tartufai, incontro molto apprezzato dagli studenti che hanno così potuto sviscerare l’argomento rispondendo a tante curiosità sul tartufo, in modo particolare su quello pescatese. Il progetto prevede ora una serata gratuita di degustazione finale dove gli studenti, i loro genitori, gli insegnanti e i bidelli, avranno modo di assaggiare le specialità culinarie al tartufo nero nei locali della mensa scolastica comunale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La data della degustazione è prevista intorno alla metà di gennaio, e sarà definita non appena l’associazione dei tartufai lariani avrà rinvenuto un buon quantitativo di tartufo da mettere a disposizione dei commensali partecipanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Ospedale di Lecco, «in caso di necessità pronti ad accogliere 200 pazienti covid»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento