menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
CGIL Lecco

CGIL Lecco

CDD di Merate, la risposta della CGIL al Comune di Merate

Non smette di tenere banco la vicenda del CDD (Centro Diurno Disabili) di Merate, "scaricato" dal comune a causa della mancanza di fondi e della scarna rappresentanza di meratesi all'interno della struttura. La privatizzazione non convince la CGIL di Lecco.

Nelle scorse settimane, non erano mancate le polemiche attorno alla situazione del CDD (Centro Diurno Disabili) di Merate, la cui gestione era stata criticata senza troppi giri di parole dal comune. La crisi ed i pochi fondi a disposizione hanno spinto l'Amministrazione a cercare delle soluzioni alternative (il conferimento del servizio a Rete Salute, ad un privato sociale o ad un'associazione di genitori), scatenando la reazione della CGIL di Lecco, da sempre molto vicina alle vicende della struttura.

A sollecitare l'intervento dei sindacati, l'annuncio di un bando da parte del comune meratese per la realizzazione di una nuova struttura, che ospiterà un centro diurno disabili per trenta utenti provenienti soprattutto da altri comuni.

"Affermazioni incongruenti, che dimostrano una grande incertezza. Siamo preoccupati per il futuro di operatori e operatrici, che con il loro lavoro quotidiano forniscono alle famiglie un servizio di altissima qualità. In tutta questa vicenda si dimenticano i protagonisti principali: lavoratori ed utenti. Attendiamo ancora una risposta dal Comune di Merate in merito all'incontro richiestogli qualche tempo fa." 

Questa, in breve, la risposta della CGIL, affidata ad un comunicato stampa diramato poco fa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento