menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli ultimi lavori realizzati sul Ponte San Michele

Gli ultimi lavori realizzati sul Ponte San Michele

Dopo oltre un anno il Ponte San Michele riapre al traffico veicolare

Da venerdì pomeriggio libero transito di auto e furgoni a una velocità massima di 20 chilometri orari. Per la ferrovia occorrerà attende sino a fine 2020

Il Ponte San Michele riapre al traffico veicolare. L'attesa è terminata: dopo 14 mesi di chiusura forzata per manutenzione straordinaria, dal pomeriggio di venerdì 8 novembre le vetture potranno tornare a percorrere l'imponente struttura che collega le sponde dell'Adda di Paderno e Calusco.

Chi potrà transitare

Il ponte sarà percorribile da auto e furgoni, a una velocità massima di 20 chilometri orari (il limite precedente era di 30 km/h); transito vietato ai mezzi sopra i 35 quintali e i 2,20 di altezza, con eccezione per le navette che fanno la spola tra le stazioni di Paderno e Calusco.

Spettacolari ponteggi sospesi al Ponte di Paderno

Lo stop era arrivato nel settembre 2018, per consentire una lunga serie di interventi strutturali e di ammodernamento in ottica sicurezza. I lavori avranno un costo complessivo di 21,6 milioni di euro, di cui 1,6 finanziati dalla Regione. Una prima data importante, nel cronoprogramma di Rfi (che al momento è rispettato), fu il 29 marzo 2019, quando vennero riaperte le piste laterali a pedoni e biciclette.

Gli ultimi interventi

Tra gli ultimi lavori in ordine temporale a essere stati effettuati, nei giorni scorsi: il montaggio dei rinforzi sull'arco del ponte, sia lato Paderno sia lato Calusco, con la posa del parapetto storico sul lato a valle, quindi la realizzazione del cavidotto contenente i cavi per l'alimentazione degli impianti semaforici e di videosorveglianza.

I lavori al ponte non sono affatto conclusi: proseguiranno per tutto il 2020 su alcuni fronti importanti, dal restauro e rinforzo strutturale alla riqualificazione ambientale e ai collaudi tecnici. Per il ripristino del traffico ferroviario bisognerà attendere almeno sino a novembre 2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento