menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vercurago: i giovanissimi realizzano il presepe vivente

I bimbi della scuola dell'infanzia Papa Giovanni XXIII di Vercurago e del nido "Il villaggio dei folletti", con la Sezione Primavera di Somasca, hanno realizzato l'iniziativa

I bimbi della scuola dell'infanzia Papa Giovanni XXIII di Vercurago e del nido "Il villaggio dei folletti", con la Sezione Primavera di Somasca, nella serata di venerdì sono diventati testimoni nella comunità e hanno lasciato un'importante suggestione. I giovanissimi si sono ben disimpegnati nella realizzazione del presepe vivente.

Successo a Vercurago per la "Pizzoccherata" a scopo benefico 

«Per seguire la stella bisogna mettersi in cammino - spiegano gli organizzatori -. Prima bisogna guardare il cielo, bisogna scrutare l'orizzonte e aprire gli occhi, la mente e il cuore. Volgere lo sguardo in alto con il naso all'insù. Per i bambini è semplice guardare in alto: é la loro prospettiva. Loro osservano tutto da lì e dobbiamo proprio imparare da loro. Guardare in alto per cogliere quei segni splendidamente celati, che ci portano nel profondo del nostro cuore. Con lo sguardo al cielo, ci siamo messi in cammino guidati dalle minuscole mani del nostro futuro. Seguiamo la stella! Il presepe è composto da personaggi secondari apparentemente anonimi (il panettiere, il falegname, la lavandaia,...), ma senza di essi il presepe non è presepe. Così, nella comunità ognuno svolge un ruolo piccolo che nell'insieme prende forma. Ringraziamo davvero tantissimo: i ragazzi del gruppo medie e ado, L'abbraccio, Aido, Avis, Alpini, Erre-ti per gli impianti, il comune di Vercurago, la polizia locale (in particolare Davide Rovagnati per la pazienza), il GEV LUMACA ( con la sua instancabile Irene), tutti i volontari dei due oratori di Pascolo e Vercurago, la Pro Loco che in questi ultimi giorni ha realizzato tanti nostri desideri. In ultimo, non meno importanti: don Andrea e il personale della scuola e del univoche con i bambini sono riuscita ad emozionarsi così tanto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento