Presidio al Mandic per difendere il Pronto soccorso. Il sindacato: «Iniziative contro la legge regionale»

Sul tavolo la possibile chiusura del servizio in orario notturno. Riccardo Germani (Usb): «Le parole non bastano, servono atti concreti in difesa dell'ospedale. Per questo incontriamo lavoratori e cittadinanza»

Circa cinquanta persone questa mattina hanno partecipato al presidio all'esterno dell'ospedale Mandic a difesa del pronto soccorso meratese.

Presente, oltre a una rappresentanza del M5S di Merate ed ex esponenti di partiti di sinistra, il sindacato più forte tra i lavoratori del nosocomio, l'Usb, i cui rappresentanti hanno sottolineato l'importanza del servizio di emergenza urgenza notturno svolto al Mandic, che nonostante le rassicurazioni dell'ultimo periodo rischia ancora la chiusura in virtù della normativa regionale (delibera 1046 del 17 dicembre 2018, rif. Legislativo D.M. 70/2015) che sancisce, con una media di accessi giornalieri inferiori a quota 100, l'operatività ridotta del Ps a 12 ore quotidiane con un solo medico di guardia di Anestesia e Rianimazione e un ulteriore medico in reperibilità per 24 ore sia nel presidio che al Pronto soccorso.

«Gli impegni personali non bastano, servono le delibere»

«Oggi abbiamo fatto un presidio contro la chiusura del pronto soccorso meratese in virtù della legge regionale che prevede la chiusura dei Ps sotto i 100 accessi giornalieri di media - ha commentato Riccardo Germani del sindacato Usb, stimolato dal sindaco di Santa Maria Hoè Efrem Brambilla - Avendo Merate 90 accessi, ci è sembrato giusto incontrare la cittadinanza per informare che intendiamo promuovere iniziative contro questa legge regionale»

Paolo Favini, direttore dell'Asst Lecco, ha rassicurato che il Mandic non rischia né sul punto nascite né sul Pronto soccorso. «Una cosa sono gli impegni personali, un'altra le leggi. Quando Favini o un assessore regionale faranno una delibera, noi saremo più tranquilli. Al momento c'è in programma un'assemblea, la faremo a marzo con i cittadini dei comuni limitrofi e in quella occasione decideremo la piattaforma rivendicativa per difendere l'ospedale di Merate».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Truffe nel Meratese, i consigli di Lario Reti Holding

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

Torna su
LeccoToday è in caricamento