menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno scorcio del fiume Adda a Calolziocorte.

Uno scorcio del fiume Adda a Calolziocorte.

La proposta: «Sia possibile disperdere le ceneri dei defunti nell'Adda»

Cambia Calolzio chiede al Comune di ampliare le libertà di scelta all'interno del regolamento di Polizia mortuaria

Poter disperdere le proprie ceneri nel fiume Adda. Questa la proposta del gruppo civico “Cambia Calolzio” che chiede all’Amministrazione comunale di prevedere nel Regolamento di Polizia mortuaria uno spazio ad hoc per le ceneri funerarie all’interno del cimitero e la facoltà di disperderle in natura.

Un’iniziativa che prende le mosse dalla Legge Regionale 22/2003 recanti le “Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali”, che prevede la possibilità di disperdere le proprie ceneri nell’ambiente.

Ritrovato ordigno bellico sul Lungoadda di Calolziocorte

«Alla luce di alcune sollecitazioni pervenuteci in merito ai luoghi comunali deputati alla dispersione delle ceneri dei defunti abbiamo chiesto all’Amministrazione se nei regolamenti siano individuati i luoghi dove poter dar seguito alla libera scelta di disperdere in natura le ceneri funerarie - fanno sapere i componenti del gruppo civico rappresentato in Consiglio comunale da Diego Colosimo e Daniele Vanoli - A tal riguardo, oltre ad uno spazio ad hoc interno al cimitero, così come è già stato disposto e regolamentato ad esempio da altre Municipalità attraversate dal fiume Isonzo, auspichiamo la messa a disposizione di un’area attrezzata dell’alveo del fiume Adda dove poter, nel rispetto di regole ben precise dettate dal Comune, essere disperse le ceneri mortuarie».

È ancora allarme furti nel Calolziese

Secondo Cambia Calolzio si tratterebbe di un piccolo tassello nell’ambito dei diritti individuali senza costi per l’ente locale e in grado di ampliare le libertà di scelta.

«Per  questo motivo auspichiamo che l’Amministrazione prenda in esame la nostra proposta modificando, eventualmente, ogni regolamento comunale rendendo esigibile da pare dei cittadini residenti tale volontà».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento