rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Notizie Mandello del Lario / Via San Zenone

Ristoratori egiziani devolvono l'incasso alla Caritas e al Soccorso

Il cuore d'oro dei fratelli Kellini, di Mandello e Abbadia: "Felici di promuovere questa iniziativa. Siamo legati al territorio che ci ha accolti e la vostra sanità è un esempio"

Il loro è un ottimo esempio di integrazione, o più semplicemente uno splendido gesto di generosità verso la comunità nella quale vivono da tempo. Stiamo parlando dei fratelli egiziani Emile, Ezzat e Malak (Angelo) Kellini da anni contitolari di tre attività di ristorazione a Mandello e Abbadia, sul ramo lecchese del lago: legati alla chiesa copto ortodossa, i tre propongono per il terzo anno un'iniziativa benefica che quest'anno consisterà nel devolvere due giornate di incasso a favore di chi, nel territorio che li ha accolti, si trova in situazione bisogno, o comunque a fini assistenziali. In passato i fratelli Kellini avevano donato l'incasso alla Pediatria dell'ospedale di Lecco dove era stato curato un loro piccolo famigliare. Ora toccherà alla Caritas e al Soccorso degli Alpini di Mandello.

L'iniziativa "Cibo, bar e sorrisi" durerà due giorni

Sotto il nome di "Cibo, bar e?sorrisi" i fratelli che da anni gestiscono il ristorante Bar Oro Nero e la Pizzeria Lario a Mandello e La Pace di Abbadia Lariana di via Nazionale, devolveranno gli incassi che i loro pubblici esercizi faranno nelle giornate di mercoledi 10 novembre (a Mandello) e martedi 16 novembre (Abbadia). Anche l'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Riccardo Fasoli ha deciso di patrocinare l'evento benefico.

A beneficiare di questa nobile scelta operata dai gestori egiziani sarà innanzitutto la Caritas (la cui sede si trova di fronte al bar Oro Nero in piazza San Zeno), associazione legata alla Chiesa Cattolica che si occupa di aiutare singole persone e nuclei famigliari di Mandello, Abbadia e Lierna, che si trovano in situazione di difficoltà, e il Soccorso degli Alpini fondato e legato alla memoria del Tenente Gildo Molteni. La struttura di via degli Alpini a Mandello, grazie ai suoi volontari impegnati 24 ore su 24, offre un prezioso servizio di assistenza medico sanitaria e di pronto intervento sul territorio. Una scelta locale e mirata, quella decisa dai fratelli egiziani.

Angelo: "Un gesto concreto di solidarietà che ci tenevamo a riproporre"

La speranza è che gli avvenitori li premino anche quest'anno, dopo gli ottimi risultati delle edizioni passate. Un motivo in più per apprezzare l'impegno dei fratelli Kellini consiste nel fatto che hanno deciso di riproporre la loro iniziativa solidale anche nel difficile periodo segnato dal covid. Angelo portavoce dei fratelli motivò cosi la scelta passata di aiutare l'ospedale di Lecco: "La vostra sanità è una cosa bella, funziona bene e nel passato è stata importante per aiutare un nostro parente, ci è quindi sembrato giusto ringraziarvi con questa iniziativa concreta".

Ora il bis, anzi il tris dopo le donazioni all'ospedale Manzoni di Lecco e al San Matteo di Pavia: "La scelta di Caritas e Soccorso degli Alpini è dettata dal desiderio di dare un aiuto al territorio che ci ha accolti e nel quale viviamo da anni. Qui ci troviamo molto bene e ci è sembrato giusto collaborare con la comunità mandellese". Appuntamento quindi a mercoledì 10 e martedì 16 novembre nei tre locali di Mandello e Abbadia.

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratori egiziani devolvono l'incasso alla Caritas e al Soccorso

LeccoToday è in caricamento