rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Statale 36 / Centro storico / Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga

Controesodo intelligente: ritorno in città senza le storiche code

Domenica 28 agosto è andato in scena il rientro di tanti vacanzieri, ma non si sono verificate le lunghe code alle quali eravamo abituati

Fine agosto da bollino rosso per il rientro dalle vacanze. Il celebre controesodo verso il Lecchese dalle località di villeggiatura, però, non è stato caratterizzato dalle code chilometriche delle decadi passate: traffico intenso, certo, ma senza particolari criticità sulla Strada Statale 36 e sui circa 32 mila chilometri di rete stradale e autostradale gestiti da Anas. I maggiori flussi di traffico si sono verificati verso nord e in direzione dei grandi centri urbani e hanno fatto registrare una circolazione sostenuta ma scorrevole, fa sapere l'azienda di proprietà di FS italiane: il viaggio in auto dei vacanzieri ha interessato, in maniera minore, anche i valichi internazionali di confine. Traffico sostenuto ma scorrevole anche in direzione sud, per i vacanzieri di inizio settembre. Il divieto di transito dei mezzi pesanti resterà in vigore fino alle ore 22:00 di oggi.  

Controesodo: il traffico sulle strade italiane

Nei punti nevralgici della rete stradale e autostradale il personale Anas ha monitorato costantemente la situazione per prevenire qualsiasi disagio. Nella giornata di sabato il traffico è stato sostenuto ma scorrevole sulla A2 “Autostrada del Mediterraneo” con qualche rallentamento nella mattinata, a Tarsia in provincia di Cosenza a causa di un incidente che ha coinvolto tre veicoli. Circolazione sostenuta anche sulla SS 9 “via Emilia” nel Riminese e lungo la SS 16 “Adriatica” a Ravenna. Infine, nelle zone di montagna, si sono registrati rallentamenti lungo la SS 26 dir “della Valle d’Aosta” nei pressi di Courmayeur. 

Nella giornata di oggi, domenica 28 agosto, lungo la penisola italiana sono attesi temporali che già dal tardo pomeriggio di ieri hanno causato alcuni smottamenti che, nel dettaglio, hanno comportato la chiusura di un tratto della SS 745 “Metaurense” ad Urbania (PU) e della SS 51 “di Alemagna” a Vittorio Veneto, in provincia di Treviso. Entrambe le chiusure non hanno però comportato particolari disagi alla circolazione, anche grazie all’istituzione dei percorsi alternativi e alla gestione del traffico in loco da parte delle squadre Anas. 

Traffico sempre sostenuto ma scorrevole sia sulla SS 106 “Jonica” che lungo la A2 “Autostrada del Mediterraneo” con un aumento del traffico – dal primo pomeriggio – nel tratto incluso tra Padula e Baronissi. Nella tarda mattinata si sono registrati rallentamenti anche sulla Tangenziale Ovest di Catania. Dal pomeriggio è atteso un aumento del traffico per gli ultimi vacanzieri che si metteranno in viaggio in verso nord. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controesodo intelligente: ritorno in città senza le storiche code

LeccoToday è in caricamento