Rodacciai premia con le borse di studio gli studenti migliori tra i figli dei propri collaboratori

Nuova iniziativa dell'azienda brianzola per promuovere il merito e la formazione. Quest'anno "premiazione online" e niente cerimonia pubblica per la sicurezza anti covid

Anche quest’anno Rodacciai ha consegnato ai figli dei dipendenti di Bosisio Parini e di Sirone le borse di studio per meriti scolastici. L’azienda, particolarmente attenta all'allarme Covid-19 e protagonista di azioni di prevenzione a tutela dei propri collaboratori (basti pensare ai test sierologici ed ai tamponi offerti gratuitamente a tutto il personale), ha scelto per quest’anno di rinunciare alla tradizionale cerimonia pubblica. Quest’ultima è stata sostituita con un collegamento via web (vedi foto). In tale occasione è stato dato spazio a un esperto di comunicazione, il dottor Alessandro Rovetta - già docente per alcune attività formative realizzate in collaborazione con Riconversider - allo scopo di fornire indicazioni e stimolare un dibattito sulle modalità, i vantaggi e le insidie della comunicazione. 

Relazioni industriali e comunicazione: al via il percorso formativo di Rodacciai

Le ragazze e i ragazzi, che frequentano le superiori e l’università, a seconda della votazione conseguita, riceveranno una cifra che varia dai 620 ai 900 euro, oltre che una pergamena attestante la prestazione scolastica e un libro che, in questa occasione, è il volume “Della Gentilezza e del Coraggio” di Gianrico Carofiglio. Assegno, pergamena e libro arriveranno quindi per tramite dei genitori.

«Nella scelta del libro di quest’anno abbiamo voluto porre al centro dell’attenzione il concetto della gentilezza come sofisticata arte del "combattimento" verbale che utilizza la "forza" altrui per raggiungere un ragionevole obiettivo - spiega il dottor Mauro Califano, direttore delle Risorse umane di Rodacciai - Il coraggio è la capacità di affrontare la paura, anzi di esercitarla per poterla superare. Coraggio e gentilezza diventano un’arma potente per impostare un corretto rapporto dialettico. È importante quindi dotarsi di quanto offerto dalla conoscenza. Elemento senza fine e che ha la proprietà di produrre dubbi. Il dubbio offre al ragionamento l’opportunità di non cadere nella trappola delle verità assolute che, di per sé stesse, diventano i pilastri degli assolutismi. Vuoi essere un buon cittadino? Impara ad utilizzare "parole ragionate" per essere protagonista e trovarti dalla parte dei "desti" che, nella raffigurazione epicurea, erano coloro che attraverso una complessa analisi delle cose potevano raggiungere l’aletheia, la verità».

Tutti i nomi dei premiati

Questo l’elenco dei diciannove studenti e studentesse premiati. Per quanto riguarda il Plant di Sirone: Noemi Silvana Coffa, Andrea Silvano Lazzarin, Carlotta Scialò. Per il Plant di Bosisio di Parini: Gloria Bonacci, Emanuele Gre, Manuel Mauri, Luca Mazzeo, Valentina Rifici, Gaia Savelli, Chiara Biffi, Giulia Biffi, Mattia Canali, Carola Corti, Chiara Ottardi, Valentina Proserpio, Alessia Rifici, Susanna Roda, Chiara Scarpa e Valerio Statti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento