menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Lecco i ragazzi che hanno ridisegnato il distretto di Greco Pirelli

Cinque ragazzi iraniani, russi, egiziani e libanesi, vincitori del concorso "Laure Larouzé", ospiti del Rotary Club Manzoni. In lizza anche molti progetti dal Politecnico lecchese

Il talento, l'inventiva e il senso della collaborazione tra culture differenti sono state al centro dell’incontro organizzato dal Rotary Club Lecco Manzoni, che ha visto protagonisti i ragazzi che hanno vinto la XVII Edizione del Concorso d'esordio "Laure Larouzé" anno accademico 2018/2019, di cui il club rotariano è da sempre sostenitore. Si tratta di un'iniziativa ufficiale del Politecnico di Milano promossa all'interno del Master in Building and Architectural Engineering.

Il concorso, a tema "Reinventing Cities", ha premiato un gruppo composto da cinque ragazzi e ragazze provenienti da Iran (due), Russia, Egitto e Libano e rispondenti ai nomi di Bahaa Zein, Via Babajaninia Shirvani, Ahmed Mohamed Ahmed Lotfy Elmaraghy, Viktoriia Korovina e Helia Khalaj, che hanno presentato il cuore del loro progetto esponendo i relativi modellini. 

Nei dettagli, il progetto riguarda la riqualificazione del Distretto Greco Pirelli di Milano attraverso la progettazione di un ponte naturale ed è da considerarsi come la prima fase iniziale di una strategia di sviluppo a lungo termine finalizzata alla graduale trasformazione dell'attuale tessuto urbano della zona attraverso l'utilizzo dell'elemento "Natura" quale centro dello sviluppo futuro. L'obiettivo dello stesso – hanno spiegato i ragazzi - è la "ricucitura" tra le due aree attualmente divise dalla ferrovia e la formazione di collegamenti alla rete di infrastrutture e i percorsi "verdi", già esistenti e in fase di realizzazione, al fine di creare una cintura verde intorno alla città di Milano.

«Questo gruppo ha svolto un eccellente lavoro che è valso loro il primo premio, ma moltissimi sono stati i progetti di altissimo livello che ci sono stati presentati dai ragazzi del Polo territoriale di Lecco del Politecnico di Milano», hanno sottolineato i professori del Politecnico di Milano Massimo Tadi (anche socio onorario del Rotary Club Lecco Manzoni) e Franck Nolesini. 

«È stato un grande piacere condividere il risultato del progetto all'interno di una conviviale del Rotary Club Lecco Manzoni e ciò, al di là della premiazione istituzionale, nell'ottica del confronto tra generazioni che è uno dei cardini della filosofia di sviluppo del nostro club» ha dichiarato il presidente Stefano Artese. La serata è stata anche l'occasione per "spillare" il nuovo socio entrante del Rotary Club Lecco Manzoni, Antonio Giuseppe Cusumano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento