rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Notizie

Sacco rosso: "D’accordo con la stretta sui furbetti. Ma siano multati i singoli cittadini e non i condomini”

L'intervento del presidente di Anaci Lecco dopo i controlli (e le multe) dei giorni scorsi

"Siamo assolutamente d’accordo sul fatto che la sperimentazione della raccolta del rifiuto indifferenziato con il sacco rosso in Comune di Lecco possa dirsi esaurita e che, dunque, anche la tolleranza verso i furbetti debba lasciare il posto a sanzioni. Vogliamo però ricordare che le multe non possono essere comminate ai condomini, ma ai singoli cittadini, dal momento che il condominio come soggetto giuridico non può risultare colpevole di comportamenti scorretti personali”.

Questa la presa di posizione manifestata oggi da Marco Bandini, presidente di Anaci Lecco, l'Associazione degli Amministratori di comdominio. Un intervento che arriva nei giorni successivi al potenziamento di controlli in diversi comuni del territorio, a partire da Lecco e da Calolzio. Proprio nel capoluogo della valle San Martino solo nella prima giornata di verifiche, quella di ieri, sono state elevate oltre 20 sanzioni.

Occhio alle sanzioni: a Lecco partono i controlli sul sacco rosso

"Se dunque il Comune deciderà di colpire i trasgressori, lo dovrà fare in modo circostanziato e personale, punendo i singoli cittadini che saranno responsabili di un comportamento scorretto - aggiunge Bandini riferendosi in particolare al Comune di Lecco - La colpa, o l’errore, del singolo cittadino non può essere imputato ad un soggetto giuridico diverso, come un condominio. Il sacco è personale, così come la tassa rifiuti. Per altro, dal momento che i sacchi rossi sono dotati di RFID, individuare e sanzionare il colpevole dovrebbe risultare estremamente più semplice nella maggioranza dei casi”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sacco rosso: "D’accordo con la stretta sui furbetti. Ma siano multati i singoli cittadini e non i condomini”

LeccoToday è in caricamento