Mercoledì 24 luglio sciopero nazionale del trasporto ferroviario: disagi in vista

L'agitazione interessa il personale di Rfi e Ferrovienord, ma Trenord annuncia possibili ritardi, limitazioni e cancellazioni per le corse regionali

Ancora disagi in vista per i pendolari delle linee lecchesi. Mercoledì 24 luglio è previsto uno sciopero nazionale del trasporto ferroviario che interessa il personale delle infrastrutture ferroviarie Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) dalle ore 9 alle ore 17 e Ferrovienord dalle ore 9 alle ore 13.

Pur non interessando il personale Trenord, lo sciopero potrà causare ritardi, limitazioni e cancellazioni per le corse regionali, suburbane e a lunga percorrenza e il servizio Malpensa Express.

Incendio di sterpaglie a fianco della linea ferroviaria, disagi fra Colico e Delebio

Non sono coinvolte le fasce orarie di garanzia. Circoleranno, informa Trenord, autobus sostitutivi senza fermate intermedie per le eventuali corse non effettuate tra Milano Cadorna (in partenza da via Paleocapa, 1) e Malpensa Aeroporto e tra Malpensa Aeroporto e Stabio.

Per la lunga percorrenza saranno garantite le corse indicate sul sito di Trenord. Informazioni sull'andamento della circolazione saranno comunicate sull'App Trenord e nelle stazioni, tramite i monitor e gli annunci sonori.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecco usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

  • Elaborazioni, pneumatici, scarichi: a Lecco è scoppiata la passione per il "tuning"

  • I pendolari Trenord lanciano il loro "sciopero": «Un mese tutti senza biglietti e abbonamenti»

  • Guida Michelin, il Lecchese si conferma: "Porticciolo" e "Pierino Penati" rimangono stellati

  • Merate: scomparsa Tatiana Malikova, cittadina russa residente in una struttura ricettiva

  • Le migliori scuole della provincia di Lecco: i risultati per ogni indirizzo

Torna su
LeccoToday è in caricamento