Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stratosferico record di Silvano: 1.360 volte di corsa in cima alla Grignetta

Il 53enne di Abbadia ha trascorso quasi quattro anni della sua vita affrontando 2mila metri di dislivello positivo. "È una passione: quando arrivo sulla Cresta Cermenati sto bene e non penso più a niente"

Il suo è un record difficilmente battibile, anche perché in continuo aggiornamento. Silvano Micheli, classe 1970 di Abbadia Lariana, ha raggiunto la vetta della Grignetta la vertiginosa cifra di 1.360 volte.

Il suo rapporto con la Grigna Meridionale è qualcosa di intenso e fortissimo. Silvano vive ai piedi del gruppo montuoso delle Grigne, e proprio da Abbadia, a quota 200 metri sul livello del mare, parte ogni volta. Armato di... niente, come lui stesso spiega.

"Tutto è cominciato con la passione per la montagna. Pian piano, andando sempre da Abbadia verso i Resinelli, ho cominciato ad andare in Grignetta, dove incontro una grande sensazione di benessere. Parto da casa con gli scarponcini e vado. Non porto nemmeno lo zainetto, non porto acqua o cibo. Ormai sono abituato. Questa passione mi porta ad avere un allenamento buono per le competizioni, prima solo in montagna ma negli ultimi anni anche su strada".

Silvano Micheli (2)

2.720 chilometri verso il cielo

La Grignetta è alta 2.184 metri. Partendo da quota 200 circa, Silvano  ogni volta affronta un dislivello positivo di 2mila metri circa. In totale sono 2.720 chilometri! E se mettessimo una in fila all'altra le volte in cui ha "scalato" di corsa la montagna, otterremmo l'incredibile traguardo di 3 anni e 8 mesi trascorsi a salire in cima.

"Non ci avevo mai pensato, però questo mi fa pensare alla spensieratezza di quando vado - confessa - Mi piace e il tempo vola. Quando esco dal bosco e comincia la Cresta Cermenati, trovo un benessere che mi fa dimenticare qualsiasi pensiero o possibile momento di crisi. Sono da solo con i camosci e con i corvi. In particolare mi godo le giornate nebbiose".

Il pensiero è anche al grande Claudio Ghezzi, scomparso un anno fa. "Quando ci incontravamo, è accaduto molte volte, ci salutavamo e ci domandavamo a quale numero fossi arrivato io sulla Grignetta e lui in Grignone".

Cosa dicono la moglie e i due figli di Silvano di questo suo record? "Sono contenti che io sia felice, comprendono la mia passione. Mia moglie ama correre e quindi sa cosa significa andare in montagna".

I tempi di percorrenza

Anche perché l'orizzonte che dalla cima della Grignetta si staglia sui laghi e sulla Pianura Padana non teme confronti. "Ogni volta provo un'emozione. Se faccio mente locale non so perché. Sto in cima cinque minuti, scatto qualche foto e via. Ogni volta è diverso. I tempi? Ad andare una volta impiegavo dalle 2 ore e 15' alle 2 ore e 45', adesso anche 3 ore. A scendere 1 ora e mezza prima, adesso 2. Il mio record è 1 ora e 45' a salire e 1 ora a scendere. Alcune volte sono stato costretto a rinunciare ad arrivare in cima per via della neve, perché troppo pericoloso. Ovviamente non le ho conteggiate per il record".

Video popolari

LeccoToday è in caricamento