Sanificazione strade, i sindaci dell'Oggionese: «Non vendiamo false illusioni o effetti placebo»

Presa di posizione degli amministratori di quindici paesi della Brianza: «Le istituzioni sanitarie dicono che è dannosa per la salute e non utile contro il Covid-19»

Sanificazione delle strade, gran parte dei paesi della Brianza dice "no": «È potenzialmente dannosa per la salute dei cittadini».

La Conferenza dei sindaci dell'Oggionese (ovvero i Comuni di Annone di Brianza, Bosisio Parini, Castello di Brianza, Cesana Brianza, Colle Brianza, Costa Masnaga, Dolzago, Ello, Garbagnate Monastero, Molteno, Nibionno, Oggiono, Rogeno, Sirone, Suello) ha emesso infatti un comunicato congiunto per fare chiarezza sull'argomento, molto dibattuto nelle ultime settimane, con alcune Amministrazioni del territorio che hanno richiesto l'intervento, altre che lo hanno messo in atto e diverse che hanno preso le distanze dopo il parere di Ats Brianza.

«Sanificazione delle strade con ipoclorito di sodio potenzialmente pericolosa per l'ambiente»

I primi cittadini dell'Oggionese, definendo "fantomatica" la sanificazione delle strade, hanno stilato una serie di considerazioni - basate anche su documenti ricevuti dalle istituzioni preposte - a sostegno della propria tesi, che elenchiamo di seguito.

- comunicazione in data 25.03.2020 ricevuta da Silea Spa ove veniamo informati che a richiesta la stessa potrebbe provvedere alla sanificazione delle strade utilizzando:

a) un automezzo lava strade dotato di “cisterna contenente acqua addizionata di prodotto sanificante”. Il prodotto sanificante è ipoclorito di sodio allo 0,025%;

b) un automezzo di piccole dimensioni per il trattamento di vicoli, marciapiedi ecc., dotato di “cisterna contenente acqua addizionata di prodotto sanificante”. Il prodotto sanificante è ipoclorito di sodio allo 0,025%;

- comunicazione in data 16.03.2020, ricevuta da Ats Brianza ove ci viene chiaramente spiegato che:

a) in base alle conoscenze scientifiche al momento disponibili sulla diffusione e le modalità di trasmissione del virus SarsCov-2 non ci sono evidenze scientifiche relative alla efficacia;

- comunicazione ricevuta in data 26.03.2020 ricevuta dall’Associazione Accademica Malattie Ambientali, ove ci viene spiegato che:

a) per la disinfezione delle strade non deve essere utilizzato l'ipoclorito di sodio, sostanza corrosiva per la pelle e dannosa agli occhi, associabile ad un aumento di sostanze pericolose nell’ambiente con conseguente possibile esposizione della popolazione e degli animali con conseguenze dannose per le acque superficiali e sotterranee;

b) i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie in Cina, che si sono serviti di questi ausili, hanno in seguito messo in dubbio questa pratica, spiegando che l’impiego di disinfettanti potrebbe comportare inquinamento ambientale e dovrebbe essere evitato;

c) analisi effettuate in altri Paesi hanno inoltre messo in evidenza che l'ipoclorito di sodio può reagire con il materiale organico presente sulle strade, causando la formazione di sottoprodotti cancerogeni che potrebbero essere inalati con rischio per la salute degli operatori, della popolazione e degli animali, che paiono superiori a quelli molto remoti di essere contagiati dalle superfici stradali. Non da meno si valuti il rischio di contaminazione delle riserve di acqua locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Unione dei Comuni della Valletta: scattano lavaggio, sanificazione e disinfezione

I sindaci dell'Oggionese concludono con un messaggio rivolto alla cittadinanza: «Certi di avervi fatto comprendere che la salute di tutti i cittadini è il nostro primo pensiero e il nostro dovere, lungi dal propinare azioni pubblicitarie, vi invitiamo a rispettare tutte le indicazioni che ci sono state fornite fino a ora e che ci permettiamo di riepilogare: 1. rimanere in casa; 2. uscire solo per effettive e indifferibili urgenze (spesa, motivi sanitari, lavoro); 3. mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro dalle persone che si incontrano. I sindaci sono in continuo contatto e pronti ad assumere tutte le decisioni utili per il territorio, nel rispetto delle indicazioni delle autorità sanitarie ed amministrative superiori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Auto sfonda il guard rail e precipita da uno dei tornanti della vecchia Lecco-Ballabio

  • Covid-19: tamponi in ospedale, code fuori dalla hall e attesa fino a più di due ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento