"Volontariato migranti" al lavoro in città: si parte dallo Stadio "Rigamonti-Ceppi"

Gli spalti dell'impianto comunale, dove sono in corso i lavori di conversione del manto erboso, verrano riqualificati attraverso il progetto presentato in sala consigliare

Il gruppo di migranti presenti in comune

Partirà, ufficialmente, lunedì il progetto "Volontariato migranti", che, da luglio alla fine di settembre, darà la possibilità alle persone migranti, ospitate nelle diverse strutture del territorio provinciale di Lecco, di effettuare delle attività di varia natura, che riguarderanno diversi ambiti della vita cittadina sul fronte di manutenzioni e cultura. Questo, nelle intenzioni dell'Amministrazione comunale e delle associazioni coinvolte, nel segno dell'aver cura delle città come bene comune e con l'obiettivo di rafforzare una reale azione d'integrazione nella comunità che accoglie. Un centinaio sono i ragazzi che hanno già manifestato la loro volontà di partecipare; in alcuni casi l'iniziativa è partita dagli stessi che prenderanno poi parte alle iniziative.

La prima iniziativa del progetto si terrà nella prestigiosa cornice dello stadio "Rigamonti-Ceppi", dove, da tre settimane abbonanti, sono in corso i lavori di commutazione del manto erboso, che passerà dall'erba naturale a quella sintetica. I migranti, sorvegliati dal responsabile dei lavori Eugenio Guglielimi, architetto, si ritroveranno presso l'impianto comunale, verranno suddivisi in squadre e assegnati ai propri coordinatori. Negli scorsi giorni i tecnici comunali si sono incontrati con il geometra Angelo Selva, che sta seguendo i lavori in corso sul campo, e si sono accordati sulle direttive di massima che verranno seguite anche per l'intervento collaterale. Gli spalti verranno scrostati, sabbiati, gratuitamente, dagli operai dell'impresa locale Rigamonti e poi riverniciati con i colori blucelesti, segno distintivo della storia centenaria della Calcio Lecco 1912. La copertura assicurativa sarà messa a disposizione dalla Reale Mutua di Giuseppe Barlassina.

Calcio Lecco. "Rigamonti-Ceppi", al via i lavori per la posa nel nuovo manto in erba sintetica

«Facendo rete riusciamo a realizzare delle cose importanti - spiega l'assessore alle politiche sociali Riccardo Mariani -. Vogliamo fare il bene comune della città, l’idea è quella di creare un momento di accoglienza reale e non fredda, unito a un’integrazione che passi dal fare le cose insieme. Il “fare” è assolutamente in linea e in sintonia con la comunità lecchese. Questo è un momento estremamente significativo, rafforza e irrobustisce un ventaglio di cose che hanno già fatto questi ragazzi, poichè non è assolutamente vero che "non fanno nulla": ora fanno semplicemente qualcosa in più e diverso».

I partecipanti sono stati scelti in base alla loro conoscenza dell’italiano, allo svolgimento del corso di sicurezza di base, alle loro competenze professionali e anche alle loro aspirazioni aspirazioni. Il progetto nasce dalla collaborazione con l'istituzione cittadina, l'associazione "Lezioni al Campo" e gli enti gestori delle strutture ospitanti; è caratterizzato dalla forte interazione tra gli assessorati coinvolti per la natura degli interventi programmati. In una seconda fase si procederà anche al censimento dei beni minori di proprietà comunale.

I commenti all'iniziativa

«Questa Amministrazione è felicissima dell'iniziativa - racconta l'assessore alle opere pubbliche e patrimonio, manutenzioni e decoro urbano Corrado Valsechi -, che parte da soggetti la cui volontà è quella di contribuire e salvaguardare ciò che noi chiamiamo “Bene comune”. Stiamo lavorando solo su elementi di proprietà del comune di Lecco, partendo dallo Stadio. E’ un’immobile che necessita di lavori supplementari a quelli del solo fondo e lì intendiamo intervenire sin da subito. L’impresa Rigamonti si è resa disponibile gratuitamente a preparare gli spalti attraverso la sabbiatura, dopodichè si procederà alla riverniciatura degli stessi. Lunedì mattina inizierà il momento formativo, in cui verranno composte le squadre e assegnate ai coordinatori, poi partiranno i lavori veri e propri. Tante attività e realtà imprenditoriali si sono affiancate a questa iniziativa».

«Questo rappresenta un doppio veicolo d’integrazione - specifica l'assessore alla cultura e alle politiche giovanili Simona Piazza -. I cittadini potranno venire a contatto con la cultura straniera, mentre i migranti potranno conoscere i sistemi culturali nostrani. Può lasciare una traccia, un solco da parte di questa Amministrazione». Nell'iniziativa è coinvolto anche il sistema distrettuale migranti della Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera, rappresentato dalla referente Michela Maggi: «Gli accolti vogliono restituire qualcosa alla comunità presso cui sono ospitati. I migranti stanno svolgendo i corsi di sicurezza di base. E’, questo, un segnale importante della città di Lecco, che dà la possibilità ai ragazzi ospitati anche nei comuni limitrofi di mettere il proprio tempo a disposizione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa è partita dagli stessi migranti, come spiegato da Marta Casalone, vicepresidente dell'associazione "Lezioni al Campo": «A novembre i ragazzi ci hanno chiesto di poter fare qualcosa per la città. E’ un segnale importante, direi d’immenso valore. I migranti vanno supportati e incentivati in queste loro iniziative, la città è attiva e propositiva da questo punto di vista». Bamba Adama, migrante e residente in città da due anni e mezzo, ha letto un messagio scritto di suo pugno: «Voglio esprimere un ringraziamento agli assessori presenti, al comune, al comitato "Noi tutti migranti" e all’associazione “Lezioni al campo” per averci dato l'opportunità di esprimerci oggi e aver accolto la nostra proposta. Vogliamo parlare del desiderio d'integrazione e appartenenza a questa comunità, la stessa a cui vogliamo prestare servizio. Siamo persone positive, alla ricerca di un futuro, pronti a fare cose straordinarie. Siamo persone aperte, con voglia di fare, imparare e lavorare, facendo buone azioni. Lecco, fidati di noi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria di Olginate, Passoni: «Parenti della vittima in collera, ma serve mantenere la calma»

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Retata antidroga nei boschi a lato della Statale: recuperati soldi e dosi di stupefacenti

  • Carabinieri in forze ed elicottero nei cieli di Calolzio, serrate ricerche per trovare il presunto omicida di Olginate

  • Domani a Olginate i funerali del 47enne ucciso a colpi di pistola

  • Aggressione di Belledo: contestato il tentato omicidio ai giovani, confermati gli arresti domiciliari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento