rotate-mobile
Notizie Alto e Basso Lago / Via Statale

Stefania presenta "La Principessa ballerina"

Incontro con l'autrice a Mandello: qui Colombo, ora residente a Parigi, veniva in vacanza da piccola con i familiari

Affacciati sul lago alla Gelateria Rolly di via Statale 188 a Mandello del Lario: questa la location scelta da Aquilario per la presentazione del libro “La principessa ballerina” scritto da Stefania Colombo. L'autrice ha voluto fare ritorno su luoghi a lei familiari per trascorsi d'infanzia. Proprio nella località di Olcio era solita infatti venire in vacanza con la famiglia negli anni Ottanta.

Nata a Milano nel 1979 e fin da giovane affascinata dal potere creativo della parola, Stefania si interessa dapprima a quello performativo del linguaggio con la professione di avvocato penalista dal 2004 al 2013. Indossa la toga e contemporaneamente trova spazi per una formazione di attrice, autrice e regista.

Il trasferimento a Parigi dove attualmente vive le consente di ottenere un Master in Etudes theatrales alla Sorbonne Nouvelle Paris 3. Il libro in presentazione giovedì 28 luglio alle ore 18.30 con la giornalista Martina Fragale, intreccia nel suo contenuto due storie. Quella di una nave  e quella di un bambino che diventa uomo. Sul piroscafo Principessa Mafalda si sono imbarcate alcune tra le più grandi personalità del periodo. Da Luigi Pirandello a Guglielmo Marconi. Ma la sua leggenda ha inizio già un anno prima della sua nascita, quando la nave gemella Principessa Jolanda, affonda il giorno del varo. E si perpetua anche in seguito con il naufragio del Mafalda nel 1927. Ad accompagnare la vicenda del piroscafo c'è Menico, figlio di uno dei capisquadra dei cantieri navali di Riva Trigoso.

Ribellioni, innamoramenti, con momenti di crescita a segnare con Menico e Mafalda il ritorno di un  epoca non molto lontana in cui l'esistenza dell'uomo e quella del piroscafo si incontrano nel momento in cui Menico si imbarca sul Mafalda nel corso dell'ultimo viaggio prima del naufragio del 1927. Sono due storie universali capaci di parlare ad un' Italia che non c'è più e di una umanità che non si smette mai di cercare qui o altrove.

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stefania presenta "La Principessa ballerina"

LeccoToday è in caricamento