rotate-mobile
Notizie Castello / Via Don Giuseppe Pozzi, 6

Lo stadio "Rigamonti-Ceppi" di Lecco fa cent'anni: apposta la targa celebrativa

Una sobria cerimonia ha accompagnato il momento in cui è stata scoperta l'insegna

Il Tempio del calcio lecchese compie cent’anni. Un traguardo di assoluto prestigio per il“Rigamonti-Ceppi”, teatro dei momenti brutti e dei momenti belli del Lecco. Nel pomeriggio di sabato 15 ottobre è andata in scena la cerimonia durante la quale è stata svelata la targa affissa sul muro esterno: «Il momento s’inserisce in un percorso più ampio iniziato con la mostra estiva, il 17 novembre all’interno di Teatro Invito si terrà una serata con i protagonisti che sono stati protagonisti su questo campo ed è intenzione organizzare delle amichevoli con delle squadre blasonate. Lo stadio racconta un pezzo della storia della città, sportivo e non solo tra musical e concerti. Oggi rendiamo onore anche alla famiglia Ceppi e a Mario Rigamonti», ha ricordato Emanuele Torri, assessore comunale allo sport, in apertura.

I ringraziamenti sono andati «al Panathlon per la collaborazione e alla società Calcio Lecco, che ha contribuito a tenere vivo questo luogo con le migliorie, tra cui un campo da gioco tra i migliori d’Italia. Un motivo di vanto per tutti voi lecchesi». Presente anche Gino Di Nunno, vicepresidente bluceleste e figlio del patron Paolo Leonardo: «Mio papà è orgoglioso di essere presidente di questa società», ha spiegato brevemente il numero due.

«I ricordi sono diversi, tra cui quello dell’esordio in Serie A che non mi aspettavo – ha quindi rammentato il leggendario Antonio Pasinato, capitano bluceleste nella massima serie -. Mi auguro un campionato tranquillo, poi… Non si sa mai. Poi vedo che c’è Foschi, ragazzo molto serio che ho avuto qui come giocatore».

Tutte le foto e le dichiarazioni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stadio "Rigamonti-Ceppi" di Lecco fa cent'anni: apposta la targa celebrativa

LeccoToday è in caricamento