rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Toninelli: «Ponte di Paderno priorità nazionale, ma ci vorranno due anni»

Il ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti incontra i sindaci sul Ponte chiuso da settembre. «Non abbiamo la bacchetta magica, lavoriamo per accelerare i tempi»

«Come successo per Genova, il commissario nominato per l'emergenza del Ponte San Michele di Calusco d'Adda sta accelerando l'iter, ma i tecnici dicono che ci vorranno due anni».

Lo ha dichiarato questa mattina il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, intervenendo a un vertice con i sindaci bergamaschi e lecchesi, a Paderno d'Adda, dove ha effettuato anche un sopralluogo al ponte, chiuso per motivi di stabilità e sicurezza dal 14 settembre scorso.

«La chiusura del ponte di Calusco d'Adda è una criticità intollerabile che complica la vita ai cittadini e ai pendolari - ha aggiunto - Tutte le istituzioni si devono sedere allo stesso tavolo per trovare una soluzione. Per me il ponte San Michele è una priorità nazionale: non abbiamo la bacchetta magica, ma lavoriamo per accelerare i lavori». All'incontro ha parteciparo anche il direttore generale di Rfi Lombardia, Luca Cavacchioli.

Ponte chiuso, sgravi fiscali per le aziende

«Ci siamo subito messi all'opera per concludere la progettazione e chiuderla grazie al supporto delle istituzioni - ha spiegato Cavacchioli - Abbiamo ottenuto l'autorizzazione per l'intervento sulla sede stradale, partendo con le opere di demolizione e l'installazione del sistema di monitoraggio per valutare le accelerazioni delle tempistiche. Entro la primavera riapriremo il traffico ciclopedonale e in parallelo continueremo a lavorare per realizzare tutte le opere di manutenzione straordinaria in corrispondenza del ponte, con l'obiettivo di ripristinare il traffico veicolare e ferroviario entro il 2020».

I Pendolari del Meratese: «Rinforzare anche la S8»

Toninelli ha aggiunto che, come accaduto in alcune località sul Po, non si esclude un nuovo ponte sull'Adda, a patto che ci sia l'appoggio della politica locale. Così ha commentato a riguardo Francesco Ninno del Comitato pendolari del Meratese.

«Il Comitato dei Pendolari del Meratese si sta già muovendo per organizzare entro la fine di gennaio un incontro con i pendolari e con tutti i rappresentanti politici del Meratese e del Casatese per fare il punto della situazione del trasporto ferroviario locale, alla luce della chiusura del ponte e delle modifiche introdotte da Trenord con l'introduzione dell'orario invernale. Il ministro ha poi anticipato a me e a Stefano Lorenzi del Comitato Pendolari Bergamaschi, che entrerà presto in servizio un nuovo treno nella tratta Bergamo-Milano Via Pioltello. Abbiamo quindi sollecitato che comunque si facesse portavoce nei confronti di Trenord affinché anche la S8 sia rafforzata e che possa reggere il maggior flusso di pendolari che si spostano dalla G-Mi alla Lecco-Milano via Carnate».

Video popolari

Toninelli: «Ponte di Paderno priorità nazionale, ma ci vorranno due anni»

LeccoToday è in caricamento