L’associazione “Il tempo di dare” della casa di riposo Opera Pia Magistris festeggia il 35° compleanno

Importante anniversario di fondazione per il gruppo di volontarie di Valmadrera: «A ciascuno è affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro»

Il manifesto che annuncia i festeggiamenti per il 35° compleanno.

Le Volontarie dell’associazione “Il tempo di dare” della casa di riposo Opera Pia Magistris in festa per il 35° anniversario della fondazione. “A ciascuno è affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro” è il motto del sodalizio attivo dal 1984 per portare compagnia, affetto e vicinanza agli anziani ospiti della Rsa di via Manzoni. 

Domenica 25 ottobre per celebrare l'importante compleanno verrà celebrata la santa messa alle ore 10.30 nella chiesa parrocchiale di Valmadrera. Il rito religioso sarà poi seguito dal saluto delle volontarie e dalla proiezione di foto ricordo presso il Centro Fatebenefratelli, sala auditorium “Mauro Panzeri”. Per partecipare alla manifestazione è necessaria la prenotazione alla mail biblioteca@valmadrera.lc.it oppure alla Biblioteca di Valmadrera telefono al numero 0341 205111.

La storia e i valori dell'associazione di volontarie

Proprio le volontarie hanno ripercorso in queste ore il cammino di impegno e solidarietà di questi 35 anni. «Eravamo sul finire del 1984. Nei convegni Caritas il tema degli anziani era inserito fra le nuove povertà, per la solitudine in cui si trovavano spesso a vivere. Durante un consiglio pastorale si portò all'attenzione il problema degli anziani ospiti dell'Opera Pia, che trascorrevano le giornate in solitudine. Fu così che Paola Crimella e Rosa Cagliani si recarono da suor Lidia, allora Superiora, offrendo un po' del loro tempo mettendosi a sua disposizione».

Valmadrera, nominato il nuovo Comitato Gemellaggi della città. Castelnuovo presidente

Nel giro di pochi giorni coinvolgendo amiche, conoscenti e aderenti del Cif (Centro Italiano Femminile) si formò il primo gruppetto. Nacque così il "Gruppo volontari assistenza anziani". «All'inizio del 1985 il Gruppo si dotò dell'Atto costitutivo che lo ufficializzava con il benestare del sindaco Mauro Panzeri. Nel 1990 l'assessore Daniela Frigerio, essendo a conoscenza che la Regione e la Provincia organizzavano un corso per animatori, propose a due volontarie di frequentarlo. Lo scopo primario dell'animazione fu quello di instaurare un rapporto di amicizia con gli ospiti ottenendo così la loro fiducia e di conseguenza la partecipazione alle attività proposte».

Nello stesso anno si registrano due passaggi importanti: 1) La convenzione col Comune che permette al Gruppo di avere fondi da utilizzare per le uscite, le feste, il materiale per l'animazione e l'assicurazione per le volontarie; 2) L'avvio di una presenza continua al momento dei pasti per gli ospiti non autosufficienti. In occasione del Natale il Gruppo ha poi l'onore e il piacere di ricevere il premio bontà "Maria Sala ved. Corbetta".

Oggi "Il tempo di dare" è guidato da Carmen Maffezzini

«Dopo 17 anni di impegno e dedizione Rosa lascia la guida del Gruppo a cui ha veramente donato il massimo dei suoi talenti: la capacità di ascolto e l'attenta ricerca del bene dell'altro che ha lasciato in eredità alle sue volontarie. Le succede Dolores Tentori che generosamente accetta di portare avanti l'impegno e darà al Gruppo un nuovo nome "Il tempo di dare". La sua prematura scomparsa nel 2004 ha lasciato un vuoto, colmato da Rosalba Corti, che ha continua a guidare con efficienza il gruppo fino al 2008 quando ha passato il testimone a Carmen Maffezzini tuttora in carica, che con la sua assidua partecipazione e il suo dinamismo assicura la presenza al momento dei pasti e la collaborazione con gli animatori professionisti nelle attività ludico- ricreative».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ringraziamenti

In occasione di questo compleanno, le volontarie impegnate alla casa di riposo di Valmadrera tengono a ringraziare:

  • Suor Lidia, suor Artura, suor Felicia, suor Zita, suor Cirilla, suor Jeine fino alle ultime arrivate suor Margherita, suor Jiustina, suor Linae, suor Sara e le altre consorelle dell'ordine "Nostra Signora degli apostoli".
  • I sacerdoti che nel corso degli anni si sono alternati: don Silvano Motta, don Emilio, don Stefano, don Massimo, don Amintore, don Adelio e don Isidoro.
  • Virginio Brivio «che con grande professionalità ci ha guidate e stimolate con la sua costante presenza».
  • Giovanna Butta «che ci ha sempre sostenute, appoggiate e stimolate nel prosieguo delle attività».
  • Tiziana Dell'Oro «che ha svolto con professionalità e competenza gli impegni burocratici, gli operatori, il personale della Casa di riposo e i medici che hanno prestato la loro opera».
  • Il dottor Cesana e tutti gli assessori ai servizi sociali che si sono succeduti nelle varie amministrazioni.
  • Marcella Rusconi, solerte coordinatrice e Giovanni Fumagalli responsabile amministrativo.
  • L'Amministrazione comunale «che è sempre stata presente con il suo sostegno morale ed economico», con  i sindaci: Mauro Panzeri, Nicola Perego, Antonio Rusconi, Mario Anghileri, Marco Rusconi e Donatella Crippa.

Sospese le visite nelle Rsa, gli Istituti Airoldi e Muzzi si adeguano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Auto sfonda il guard rail e precipita da uno dei tornanti della vecchia Lecco-Ballabio

  • Covid-19: tamponi in ospedale, code fuori dalla hall e attesa fino a più di due ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento