menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tavolo dei relatori

Il tavolo dei relatori

"Varenna o Dubai" nel paese s'infiammano le polemiche

Si è tenuta a Varenna una tavola rotonda per discutere del Polo turistico Olivedo, parte del documento urbanistico in via di approvazione proposto dall'attuale amministrazione comunale. I promotori dell'evento, Fondo Ambiente Italiano (FAI) e Legambiente, hanno agito congiuntamente ad esponenti dell'opposizione varennasca.

La discussione si è svolta in maniera ordinata, prendendo piede da tre interventi principali per poi declinarsi nelle parole di alcuni esperti di settore, concludendosi con la possibilità di domande da parte del pubblico.

La prima voce a esprimersi è quella di Gianfranco Scotti, capo delegazione provinciale del FAI, che dopo aver dipinto il paesaggio varennese con parole colme di ammirazione spiega la differenza tra interventi ammissibili e inammissibili sul territorio.

Per quanto l'attuale amministrazione comunale abbia saputo, con la costruzione del parcheggio a inizio paese e altre opere, adoperarsi per modificare responsabilmente l'area, il progetto in discussione ricade sicuramente nella categoria dell'inaccettabile. Sono “altre le strade da percorrere per lo sviluppo turistico”.

Pierfranco Mastalli, presidente di Legambiente Lecco, parla di vera e propria “occupazione abusiva del lago”, demanio pubblico. La cosiddetta addizionale al lago, oltre a rovinare un'area paesaggisticamente caratteristica e intoccabile, va ad intervenire su di uno spazio di proprietà di tutti i cittadini. Anche soltanto l'intervento nell'area battelli, per la quale è previsto un completo ridisegno, non è ammissibile sulla base del criterio della salvaguardia del luogo.

Il capogruppo dell'opposizione, Giuseppe Dajelli, esprime grande gioia per l'evento in corso, gratificante per il suo Vivere Varenna che da tempo si batte per dare visibilità alla protesta contro il progetto Olivedo, e contemporaneamente preoccupazione per la frase del sindaco, Carlo Molteni, il quale ritiene che “Comunque si va avanti”, senza dar peso a pareri diversi. Un punto che sta molto a cuore al consigliere è l'effetto che l'approvazione del Piano di Governo del territorio (P.G.T.) avrà sull'ambiente di Varenna, che verrà privata del suo ultimo angolo di verde.

Dopo i tre interventi principali prende brevemente parola Andrea Rurali, presidente regionale FAI, il quale sottolinea la funzione super partes del proprio ente, in quanto portatore di interesse diffuso con funzione di garante degli interessi del territorio e del cittadino.

A seguire presenziano l'avvocato Giulia Lo Turco, gli architetti Giovanni Bettini e Luca Bonaiti, e il docente universitario di storia dell'arte, esperto di pianificazione del territorio, Eugenio Guglielmi, fornendo pareri specifici a seconda dei propri ambiti di competenza. Il verdetto finale, unanime, è la completa inammissibilità del Polo Turistico Olivedo.

Il sindaco, a cui è stata concessa poi la parola, è brevemente intervenuto nel finale, esponendo il proprio punto di vista. Nel P.G.T.  adottato e  in via di approvazione non sono previste zone edificabili, e di conseguenza nessuna cementificazione. Inoltre, a seguito degli interventi degli enti superiori (Provveditorato, Provincia, Regione), dal piano è stata stralciata per intero l' ATU 1, ossia il Polo Turistico Olivedo in questione. La tavola rotonda è stata dunque costruita sul nulla, secondo il parere del primo cittadino varennese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento