rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Notizie Alto e Basso Lago / Viale Giovanni Polvani, 4

Lo straordinario dipinto ospitato a Villa Monastero conquista il pubblico

L’opera, un’inconsueta Allegoria eucaristica risalente al Cinquecento, è stata restaurata grazie al sostegno della Fondazione comunitaria del Lecchese

Grande partecipazione a Villa Monastero all’evento organizzato dalla Provincia e dalla Fondazione comunitaria del Lecchese per l'esposizione temporanea di un’importante tavola dipinta, di proprietà della Chiesa di Nava della Parrocchia di Colle Brianza. L’opera, un’inconsueta Allegoria eucaristica risalente circa alla metà degli anni Sessanta del Cinquecento e ascrivibile all’ambito cretese veneto, è stata restaurata grazie al sostegno della Fondazione, che ha deciso di depositarla temporaneamente per tre anni nel museo di Villa Monastero per metterla a disposizione della comunità e dei numerosi visitatori che frequentano lo splendido edificio a lago di Varenna.

Maria Grazia Nasazzi: "Ogni opera salvata diventa un bene di tutti"

La mattinata è stata aperta dalla Presidente di Fondazione comunitaria del Lecchese Maria Grazia Nasazzi. "Ci ritroviamo qui per scoprire insieme un dipinto, perché in un momento fragile e difficile il bisogno di bellezza è sicuramente primario - ha sottolineato Nasazzi - La nostra Fondazione, da sempre attenta alle opere da scoprire e salvare, ha preso a cuore la lunga e complessa storia della tavola di Nava e ha deciso di prendersene cura, perché ogni opera salvata diventa un bene per tutti. L’arte non dimostra ma mostra, l’arte evoca, apre squarci, rimanda e tiene insieme. L’arte e la cultura creano appartenenza, la alimentano; le fondazioni di comunità vivono di questa appartenenza attraverso un patrimonio, oltre che economico, anche relazionale che sviluppa alleanze preziose. Sono grata alla Parrocchia di Nava che ha deciso di mettere a disposizione della comunità questo straordinario dipinto. Oggi la tavola è qui, una tappa di un viaggio che la riporterà nel tempo alla sua comunità, ci ritornerà ancora più bella perché ammirata da tanti visitatori".

Dipinto-2

Fiorenza Albani: "Un'iniziativa che dà ancora più valore a Villa Monastero"

A fare gli onori di casa per la Provincia di Lecco la Consigliera delegata a Turismo, Cultura e Villa Monastero Fiorenza Albani. "Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questa bellissima iniziativa, che dà ancor più valore a Villa Monastero - ha dichiarato Albani - Lo scorso anno la Villa ha ottenuto il riconoscimento di museo, passando da raccolta museale a museo vero e proprio, e pertanto inserita nel Sistema museale nazionale. Villa Monastero fa parte del Sistema museale della Provincia di Lecco rivolto alla valorizzazione dell’intero patrimonio culturale del territorio provinciale, di cui fanno parte 33 musei e raccolte museali, ai quali si stanno aggiungendo quest’anno ben altri 12 beni di interesse storico, artistico e culturale”.

Il Viandante piace anche agli operatori, massiccia partecipazione al corso

A seguire ha preso la parola Ilaria Bruno della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio, che ha diretto il restauro curato da Sonia Bozzini e ha seguito la collocazione del dipinto nella sala Fermi della Villa. Il Conservatore del museo Anna Ranzi ha quindi contestualizzato la collocazione dell’opera nella sala Fermi, che costituisce la ex chiesa del Monastero di Santa Maria dalla cui trasformazione deriva Villa Monastero, descrivendone brevemente l’aspetto.

Sala Villa Monastero-2

Spazio poi all’intervento di Andrea Spiriti, professore ordinario di Storia dell’arte moderna all’Università degli Studi dell’Insubria e Direttore del Centro di ricerca sulla Storia dell’arte contemporanea, che ha illustrato il tema rappresentato da un’iconografia rara e complessa, suscitando grande interesse da parte del pubblico. Gli atti della giornata di studi verranno presentati a settembre in occasione delle Giornate europee del patrimonio.

Alessandra Hofmann: "Molte iniziative per valorizzare Villa Monastero"

La chiusura dell'evento culturale è stata affidata alla Presidente della Provincia, Alessandra Hofmann. "Da pochi giorni è iniziata la nuova stagione in cui la Provincia di Lecco aprirà le porte di Villa Monastero offrendo molteplici occasioni per soddisfare gli svariati interessi dei visitatori - ha ricordato Hofmann - Dopo due anni di difficoltà dovute alla pandemia, che ha fortemente limitato il numero dei visitatori, stiamo lavorando intensamente con il preciso obiettivo di far conoscere ancora di più ai cittadini della nostra provincia e ai turisti provenienti dall’Italia e dal mondo le innumerevoli bellezze di questa storica dimora lariana e del suo rigoglioso giardino botanico. Abbiamo appena candidato un innovativo progetto sull’avviso pubblico per la presentazione di proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione dei parchi e giardini storici nell’ambito del Pnrr".

Il progetto prevede la riqualificazione delle aree verdi per elevare gli standard di gestione, manutenzione, sicurezza, accoglienza e per assicurare la migliore conservazione nel tempo per una nuova fruizione culturale e turistica. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo straordinario dipinto ospitato a Villa Monastero conquista il pubblico

LeccoToday è in caricamento