rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Notizie Monticello Brianza / Via Monte Grappa, 21

“Vedere l’invisibile”: un progetto per recuperare la storia del giardino di Villa Greppi

L'iniziativa, finanziata grazie a un bando di Fondazione Cariplo, interesserà anche Villa Reale a Monza. Tra le azioni più significative, la ricostruzione storica in 3D dei giardini per permettere ai visitatori di entrare in contatto con i luoghi

Un progetto biennale che a partire da questo mese permetterà a Villa Greppi e Villa Reale di Monza di recuperare la storia del patrimonio dei rispettivi giardini, rendendoli fruibili al pubblico attraverso attività esperienziali. Si tratta di "Vedere l’invisibile. La cultura rifiorisce nei giardini storici di Villa Greppi e della Villa Reale di Monza", un piano ambizioso, presentato a valere sul bando “Per la cultura” 2020 di Fondazione Cariplo e che ha visto il Consorzio Brianteo Villa Greppi ricevere un finanziamento pari a 150 mila euro.

A Villa Greppi il festival di narrativa poliziesca "La passione per il delitto"

Unico progetto della provincia di Monza e uno dei due del lecchese finanziato da Fondazione Cariplo con questo bando, "Vedere l’invisibile" ha come capofila proprio il Consorzio brianzolo e come partner monzese il Centro Documentazione Residenze Reali Lombarde, che opera nei giardini della Villa Reale.

Obiettivo principale, come anticipato, è quello di creare attività esperienziali innovative all’interno dei giardini delle due storiche ville coinvolte. In particolare, tra le azioni più significative c’è la realizzazione della ricostruzione storica in 3D dei giardini di Villa Reale e del giardino all’italiana di Villa Greppi, questo con lo scopo di permettere ai visitatori di entrare in contatto con i luoghi, con la loro storia e con il loro significato culturale, ampliando le conoscenze e rafforzando il sentimento di appartenenza al territorio. Un finanziamento importante, quindi, che contribuirà a sostenere anche i lavori per il terzo e ultimo lotto del giardino all’italiana di Villa Greppi.

Marta Comi, presidente del Consorzio Villa Greppi: «Favoriamo il turismo di prossimità all'insegna della cultura»

«L’avvicinamento di nuovo pubblico - spiega la Presidente del Consorzio Villa Greppi Marta Comi - e il superamento attraverso la tecnologia 3D delle barriere fisiche per la fruizione dei giardini contribuiranno ad accrescere i flussi turistici di prossimità, garantendo la fruizione culturale anche in condizioni di distanziamento sociale. Siamo molto lieti di collaborare con il Centro Documentazione Residenze Reali Lombarde di Villa Reale: un incontro che va nella direzione di valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico della Brianza, rafforzando la rete dei luoghi della cultura del territorio a cavallo tra le province di Lecco e Monza Brianza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Vedere l’invisibile”: un progetto per recuperare la storia del giardino di Villa Greppi

LeccoToday è in caricamento