rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Notizie Alto e Basso Lago / Viale Giovanni Polvani, 4

Il fascino di Villa Monastero più forte della pioggia: 7mila visitatori in due weekend

Numeri da record, nonostante il recente fine settimana segnato dal maltempo, per la dimora varennese gestita dalla Provincia di Lecco

Villa Monastero piace sempre più. L'antica dimora varennese, il cui vasto giardino botanico è fra i più celebri della Lombardia e le sale museo sono in grado di ospitare mostre di grande pregio artistico, continua a macinare record di presenze.

Anche gli ultimi due fine settimana hanno fatto registrare numeri molto alti, come ha comunicato la Provincia di Lecco che gestisce la Villa. Se nel fine settimana di Pasqua il bel tempo l'ha fatta da padrone, non altrettanto si può dire per lo scorso, caratterizzato dal maltempo: l'elevata affluenza di visitatori è dunque da considerare come l'ennesima conferma di quanto Villa Monastero piaccia e riesca a intercettare un turismo - oltre che internazionale - da fuori provincia.

I numeri recenti

In totale negli ultimi due weekend sono giunti a visitare la villa e i suoi giardini 6.964 persone. Nel dettaglio i numeri dei visitatori:

  • sabato 16 aprile: 1.439
  • domenica 17 aprile: 1.468
  • lunedì 18 aprile: 1.273
  • sabato 23 aprile: 575
  • domenica 24 aprile: 981
  • lunedì 25 aprile: 1.228

La dimora varennese

villa monastero-2-8

Antica dimora di proprietà della Provincia di Lecco, Villa Monastero domina il lago ed è fra le attrazioni più visitate del territorio. Il suo nucleo centrale è la Casa museo interamente accessibile al pubblico con 14 sale. Quattro secoli di cimeli lasciati dai suoi proprietari animano una villa tra le più belle e raffinate del Lario, circondata da un giardino botanico che si estende per quasi due chilometri e offre la possibilità di conoscere e scoprire specie arboree autoctone ed esotiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il fascino di Villa Monastero più forte della pioggia: 7mila visitatori in due weekend

LeccoToday è in caricamento