rotate-mobile
Allarme / Valmadrerese e Riviera Ovest / Via Valle dell'Oro

Zona protetta su Cornizzolo e Malascarpa, iter lungo: “Rischio scadenza”

Lo scopo è quello di avere maggiori tutele sulle escavazioni e più finanziamenti, ma gli ambientalisti lanciano l'allarme sui tempi

I tempi per la zona protetta di Cornizzolo e Sasso Malascarpa preoccupano gli ambientalisti. “Le pendici nord del Cornizzolo fino ai Corni di Canzo, sono da anni inclusi in una Zona di Protezione Speciale per gli uccelli, tecnicamente detta Zps "Triangolo Lariano", e gestita da Ersaf Lombardia. Dopo uno scambio di pareri con gli uffici regionali, nel settembre 2020 le amministrazioni comunali di Suello, Civate e Valmadrera hanno chiesto ufficialmente e in modo motivato, l’ampliamento della stessa Zps anche sul versante meridionale, per la protezione di habitat e uccelli di importanza conservazionistica e anche per escludere in futuro, l’eventuale apertura di nuove cave, proprio nei pressi della Basilica di San Pietro al Monte, monumento di notevole pregio storico e paesaggistico”. La premessa è di Barbara Meggetto, Legambiente Lombardia, Giuseppe Stefanoni, Coordinamento Cornizzolo, Roberto Cerati, Gruppo Naturalistico della Brianza, e Lello Bazzi, Cros Varenna.

cornizzolo-2
La vetta del Cornizzolo

Trascorso un anno e mezzo dalla richiesta, fanno sapere le associazioni, “La Direzione regionale Ambiente era sul punto di convocare una riunione fra enti e associazioni portatori d’interesse, per un’ulteriore e, a nostro giudizio, immotivata raccolta di pareri sull’allargamento della Zps. L’incontro era atteso nella seconda meta? di luglio, ma a sorpresa e senza valide motivazioni e? stato rinviato senza definire una data. La Regione impone cosi? le proprie “non scelte”, prima chiedendo nuovamente un parere a un territorio che si era gia? espresso attraverso incontri pubblici e delibere di Giunta, e ora rinviando sine die una risposta attesa da tempo. Tra pochi mesi ci saranno le elezioni regionali, si vuole forse lasciar scadere il tempo per non rispondere alle richieste del territorio? Quali interessi particolari stanno impedendo la conclusione di un procedimento autorevole e legittimo, democraticamente richiesto dalla maggioranza dei cittadini, attraverso i propri rappresentanti locali?”.

“Serve un'agenda chiara”

“Le aree protette sono di grande valore per gli aspetti ecosistemici, la cura del paesaggio e il benessere delle persone: la Comunita? Europea ne sollecita l’ampliamento o la nuova istituzione ad ogni stato membro. Nel nostro caso, la gestione del territorio sara? inoltre affidata a Ersaf - Ente Regionale Servizi Agricoltura e Foreste - che con specifica competenza, si occupera? del governo dei boschi e del mantenimento delle preziose praterie di quota, a vantaggio degli allevatori, ma anche dei cacciatori”, proseguono gli ambientalisti

La caccia e? infatti ammessa nella Zps secondo le disposizioni di legge vigenti: gli uccelli per i quali si chiede l’istituzione di una Zona di Protezione Speciale, sono inoltre presenti solo nella stagione riproduttiva, quando la caccia e? chiusa. “Quali remore o pregiudizi impediscono allora il procedimento? Chiediamo che venga fissata un’agenda chiara e serrata per giungere alla definitiva protezione del nostro monte, una risposta di salvaguardia attesa da decenni anche dai numerosi partecipanti ai trascorsi "Cornizzolo day", dei quali la stampa ha sempre dato puntuale risalto”, concludono quindi i rappresentanti delle quattro associazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona protetta su Cornizzolo e Malascarpa, iter lungo: “Rischio scadenza”

LeccoToday è in caricamento