menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A.N. e F.d.I. sull'aggressione di Calolzio: episodi come questi minano l'integrazione

Non accennano a placarsi le polemiche dopo la brutale aggressione avvenuta nei giorni scorso a Calolzio, presso la scuola professionale Enaip di Calolziocorte.

Sul tema i militanti di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale hanno emesso un apposito comunicato:

“Rimaniamo sconcertati nell’apprendere quanto accaduto ieri a Calolziocorte, – affermano Pamela Maggi e Carlo Dalmasso a nome dei militanti di FDI-AN di Calolzio – dove, in pieno giorno, si è consumata una violenza inqualificabile. Vicinissimi al centro della città e a due passi dal municipio, un numeroso gruppo di ragazzi, un “branco”, avrebbe aggredito un coetaneo per futili motivi, pestandolo a sangue e poi costringendolo alla fuga insieme ad alcuni amici. Non volendo assolutamente polemizzare sull’origine straniera degli aggressori, anche se ci rendiamo conto che episodi come questo rischiano di minare fortemente il già difficile processo di integrazione, rimaniamo profondamente scossi. Invitiamo i cittadini calolziesi a collaborare senza indugio con gli investigatori perché fatti di questo tipo non possono essere coperti da omertà, paure e silenzi. Più volte i rappresentanti calolziesi del nostro movimento, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale (FDI-AN), hanno segnalato il pericolo per la mancanza di sicurezza e hanno chiesto alla nuova amministrazione di prendere posizione. Evidentemente non sono bastate le nostre segnalazioni, ed ora ci troviamo più smarriti ed insicuri di prima, speranzosi che simili episodi non si debbano più ripetere in futuro. Ci stringiamo alla famiglia del ragazzo ferito, al quale auguriamo una pronta guarigione. Infine, auspichiamo che le forze dell’ordine individuino al più presto i responsabili e che la magistratura li punisca in modo esemplare“.

Pamela Maggi e Carlo Dalmasso per  FDI-AN di Calolziocorte

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento