Arrigoni, Lega: «Ok emendamento energia a km zero, grande soddisfazione»

Il senatore lecchese: «Così i cittadini potranno diventare "prosumer", ossia produttori e al tempo stesso consumatori»

Paolo Arrigoni, senatore della Lega.

«Grazie alla Lega, l'energia elettrica sarà presto fai da te e a chilometro zero. Con l'approvazione del nostro emendamento al decreto Milleproroghe che introduce l'autoconsumo collettivo e le comunità energetiche rinnovabili i cittadini potranno diventare "prosumer", ossia produttori e al tempo stesso consumatori». Questa la dichiarazione rilasciata oggi dai parlamentari della Lega Tullio Patassini, primo firmatario dell'emendamento approvato, Paolo Arrigoni, senatore lecchese e coordinatore del Dipartimento Energia del Carroccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Esprimiamo grande soddisfazione per il via libera a questa norma, da noi fortemente voluta - aggiungono Arrigoni e Patassini - In attesa che il nostro Paese recepisca la relativa direttiva Ue, in Italia ci sono ora tutti i presupposti per introdurre una vera e propria rivoluzione green a favore dell'ambiente e delle tasche di cittadini, famiglie e imprese grazie ad una serie di incentivi ad hoc. Risultato: meno sprechi ed emissioni, bollette meno care e più autonomia».

Dagli Usa alle scuole di Calolzio per parlare di food, ambiente e sostenibilità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'ordinanza diventa più breve: ridotta di dieci giorni la durata, mantenuti i divieti

  • Calolzio piange Serena, stroncata a soli 45 anni dal Coronavirus

  • Importante scoperta sul Coronavirus: nell'équipe svizzera c'è un mandellese

  • Addio a Mario La Barbera, colonna dei Volontari del Soccorso di Calolzio

  • Tragedia a Valmadrera: addio al consigliere comunale Pamela Cazzaniga

  • Mandello: donna di 84 anni cade dal balcone, è in gravissime condizioni

Torna su
LeccoToday è in caricamento