rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Politica Centro storico

La maggioranza attacca: “Scene mute e sceneggiate, occorre serietà istituzionale”

L'affondo dei quattro gruppi: “Scarso senso delle istituzioni, l’amministrazione ha dimostrato disponibilità all’ascolto”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

“Sgrammaticata e confusa”. Così i gruppi della maggioranza consiliare in sostegno della Giunta Gattinoni di Lecco hanno definito l’iniziativa della minoranza in programma nei prossimi giorni, ossia la convocazione di un’assemblea per discutere quei temi che, a detta loro, non sarebbero affrontati dall’attuale Amministrazione. Una presa di posizione netta che vuole respingere al mittente e disinnescare le critiche del centrodestra allargato.  

“Lascia alquanto sbigottiti la volontà dei gruppi di minoranza di realizzare una manifestazione puramente politica all’interno dell’Aula Consiliare del Municipio. Una scelta sgrammaticata e che denota uno scarso senso delle istituzioni, del rispetto dei luoghi e dei contesti. Una richiesta provocatoria, in quanto basterebbe leggere il regolamento per sapere benissimo che il Salone Consiliare è un luogo istituzionale a disposizione per le attività interne dei Gruppi consiliari ma non di iniziative politiche - partitiche per le quali, invece, è possibile richiedere l'utilizzo delle sale civiche. I nostri Gruppi hanno sempre saputo distinguere i momenti, realizzando queste iniziative fuori dai luoghi istituzionali, persino convocando una conferenza stampa a lato della pista ciclopedonale di Pescarenico.  

Notiamo anche una certa confusione e la volontà di voler distorcere la realtà descrivendo l’Amministrazione Comunale come “chiusa nel palazzo”, un’immagine che, tuttavia, non corrisponde alla dimostrazione dei fatti. A mero titolo d’esempio, risale a soli cinque giorni fa la terza delle assemblee pubbliche organizzate negli ultimi due mesi al Centro Civico “Sandro Pertini” per affrontare alcuni dei temi cruciali per la città. Serate che, tra l’altro, si sono caratterizzate per una forte partecipazione e una completa disponibilità al dialogo e all’ascolto di critiche e suggerimenti, come gli stessi consiglieri di minoranza hanno potuto verificare personalmente. Nelle prossime settimane, tra l’altro, due nuove serate sono già in programma, questa volta dedicate ai rioni e ospitate da associazioni che rendono vivi i quartieri. 

Nel merito delle questioni che il centrodestra allargato ritiene non vengano trattate è opportuno rinfrescare la memoria, soprattutto a quelli che fingono di non sapere. Ogni singolo intervento sulla viabilità attuato segue i dettami di quanto contenuto nel Piano Generale del Traffico Urbano approvato a larga maggioranza nel giugno 2020 mentre sugli altri temi, dal lungolago al nuovo interscambio di mobilità, innumerevoli sono state le occasioni di confronto in sede di Commissione o di Consiglio Comunale e altre ancora ci saranno nelle prossime settimane, una realtà che mal si concilia con questa supposta mancanza di discussione. Tra scene mute, come quella dell’ultimo Consiglio comunale del 18 marzo scorso, e sceneggiate, come quella di chi non distingue una Sala consiliare da quella di un teatro, va da sé che qualsiasi dialogo risulta difficile con coloro i quali, nelle sedi dedicate al confronto, scelgono di rimanere in silenzio: ci viene da pensare che, forse, spesso chi non parla è perché non ha niente da dire.

Pietro Regazzoni - Partito Democratico 

Saulo Sangalli - Fattore Lecco

Alberto Anghileri - Con la Sinistra Cambia Lecco

Alessio Dossi - AmbientalMente Lecco

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maggioranza attacca: “Scene mute e sceneggiate, occorre serietà istituzionale”

LeccoToday è in caricamento