«"Bione" fermo a undici anni fa e abbandonato a se stesso. Serve una svolta decisiva per sbloccare la situazione»

"Lecco merita di più - Forza Italia" sull'annosa questione del Centro Sportivo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Un decennio è passato e l’amministrazione comunale non è stata in grado di sistemare il Centro Sportivo Bione che da sempre è nel cuore dei cittadini lecchesi. Uno dei centri sportivi più belli di Lombardia dove coesistono lago, fiume, campi di atletica, campi da calcio, piscina, palestra e i più variegati sport,  dal nuoto al rugby,  da anni è stato avvolto da una bolla di immobilismo.  

Serve una svolta decisiva per sbloccare una situazione che è in stallo da troppo tempo. I cittadini meritano un Centro Sportivo moderno e funzionale capace di rispondere alle necessità attuali. E’ possibile pensare in grande grazie agli ottimi collegamenti viabilistici e gli abbondanti parcheggi:  il Bione deve diventare un luogo strategico poiché la qualità della vita degli abitanti di Lecco va di pari passo con la qualità della attività sportiva e dunque è importante fornire la possibilità di svolgere wellness in una struttura di eccellenza. 

«Sono stato l’ultimo assessore allo sport della giunta Faggi, avevamo lasciato a bilancio 1 milione e 900 mila euro per sistemare tutti i vialetti e l’esterno del centro sportivo Bione, inoltre era prevista la costruzione di un campo in sintetico e il rifacimento totale degli spogliatoi. I soldi previsti, derivati dalla scelta di non costriture una piscina all’aperto, erano stati consegnati all’amministrazione di centro-sinistra che doveva solamente procedere al via libera», ha spiegato Beppe Mambretti, coordinatore della lista Lecco Merita di Più -Forza Italia. 

Che cosa ha fatto il centro sinistra in questi anni? 

Piove dal soffitto della piscina. 

Infiltrazioni anche nel palazzetto. 

Spogliatoi da rivedere. 

L’amministrazione targata PD propone le aule studio al Bione però non si sono mai attivati per sistemare gli spogliatoi. 

Regione Lombardia nell’ultimo assestamento di bilancio ha stanziato circa 2 milioni di euro per sviluppare un nuovo progetto per la ristrutturazione del palazzetto sportivo. In questo modo la prossima amministrazione comunale potrà intervenire concretamente per dare un vero cambio di rotta all’ immobilismo di sinistra. Nel programma elettorale di centrodestra è presente una parte specifica dedicata al Bione nell’ottica di creare una ‘casa delle associazioni’: un luogo dove le associazioni sportive lecchesi possano svolgere le loro attività in sicurezza ponendo fine dunque a 10 anni di decadenza. 

Ad oggi, la giunta di Virginio Brivio non è riuscita ad utilizzare i fondi per palazzetto e piscina. Di consequenza il Centro Sportivo Bione è fermo alla situazione di 11 anni fa:i campi esterni sono in sistemazione solo grazie al sostegno della Regione.

La coalizione di Gattinoni ha abbandonato uno dei luoghi simbolo della città. 

Lecco Merita di Più - Forza Italia

bione lecco 15 settembre 20202-2

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento