«Non usurpare con il proprio nome simboli che appartengono a una comunità politica è questione di stile e di rispetto»

Corrado Valsecchi, candidato sindaco di Appello per Lecco, giudica negativamente la scelta dei "competitor" alla poltrona di primo cittadino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Ho deciso, comunicandolo al dirigenti dell'associazione e ai candidati, di non mettere il mio nome nel simbolo di Appello per Lecco, la lista civica che ho contribuito a fondare per una questione di rispetto verso la comunità politica e associativa di Appello per Lecco. Credo che nessuno debba appropriarsi di un simbolo in cui si riconoscono tante donne e uomini con sensibilità politiche, storie personali e professionali diverse. Avrei potuto farlo, anzi il designer Giulio Ceppi, che ringrazio, creatore del nostro logo mi aveva inviato il simbolo rivisitato con il logo contenente il mio nome.

Ho scelto diversamente e credo che sia una scelta giusta di rispetto e condivisione per non alterare un simbolo che appartiene a tutti noi e non ad una singola persona. Ho appreso con stupore che alcuni miei "competitor" abbiano messo il loro nome non già su una lista di riferimento, ma addirittura su tutte le liste che li sostengono. Non sono qui a giudicare, ma, francamente, mi sembra una scelta di cattivo gusto apparire con il proprio nome su liste che peraltro non hanno nulla a che vedere con la storia politica di una persona, marchiare in maniera indelebile delle comunità politiche che vivono   in maniera eterogenea e con sensibilità talvolta completamente diverse la loro passione per la cosa pubblica.

Mi chiedo come facciano i militanti e gli elettori di quei movimenti e partiti a giustificare una scelta di questo tipo da parte delle loro rispettive nomenclature. Non sono problemi nostri sarà argomento eventualmente di discussione all'interno dei loro sodalizi. Per quanto ci e mi riguarda non avevamo voluto inserire il nome di Virginio Brivio nel nostro simbolo nel 2010 e nel 2015, non lo farò e non lo faremo nemmeno nel 2020 nonostante sia candidato uno dei fondatori. 
E adesso diamo inizio alle danze con una bella sfida civica ed elettorale finalizzata al bene della nostra città.
Dai, crediamoci fino in fondo! Con i cittadini!

Corrado Valsecchi 
Candidato Sindaco
Appello per Lecco

I più letti
Torna su
LeccoToday è in caricamento