Elezioni, Cagliani (Ln) risponde a Piazza: "Non è all'altezza di fare dello spirito"

La candidata del Carroccio risponde alle affermazioni dell'esponente del Nuovo centrodestra sulla coalizione guidata da Negrini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Il signor Mauro Piazza si permette di far dello spirito? Non ne è all'altezza!

Negrini sarebbe stravagante e dal discorso appiccicoso? Mauro si è mai guardato e si è mai ascoltato? Con quegli occhialetti! Con quella vocina? Negrini è nuovo alla politica? Vero, finalmente un imprenditore con idee e spirito nuovi! Ha lavorato tra borse e borsoni? Ne sia felice il Piazza: gli restano le manovre tra le scarpe!

Dichiarare poi la devastazione politica ed umana della Brambilla, ancorché arbitrario, è espressione volgare: il signorino rinunci alle "signore", sono per i gentiluomini! Zamperini poi è un giovanotto grande e grosso che saprà presentare il conto di persona al maestrino che ha voluto offenderlo: avanti!

Dalla Lega, da Forza Italia e da Fratelli d'Italia sono fuggiti pochi furbetti della vecchia politica, veri camaleonti, che già  avevano collaborato con Bodega e che temono di venire emarginati da una nuova e finalmente saggia amministrazione: si aggrappano al migrante oggionese, nella speranza di risedersi davanti al piatto... palermitano o sorrentino, purché si mangi!

Presentare Bodega come unica alternativa a Brivio è la più grande assurdità che si possa raccontare.

Il Nuovo Centrodestra, accucciato ai piedi di Renzi, ridotto al 3% nazionale, a precipizio in Lombardia per gli innumerevoli scandali e le scene isteriche del celeste Formigoni, sta cercando in Lecco di ritagliarsi uno spazio vitale, recuperando un sindaco reduce dalla sconfitta elettorale nella lista di Albertini (strana coincidenza!).

Bodega aveva lasciato imbarazzanti indebitamenti finanziari e cantieri solo inaugurati: dopo pizzette e spumantini quasi tutto si era bloccato, senza speranza. Tra rulli di tamburi e squilli di trombe era stata scavata in piazza degli Affari un'immensa voragine, che però si era dovuta quasi subito riempire: una badilata di milioni buttati, il centro Città  terremotato da 10 anni e nessuna previsione per il futuro: bravo Bodega!
Troppi lecchesi, ahimè, non lo sanno: han comperato i bond argentini, i gamberi della Cocincina, l'oro al parcheggio dell'Autogrill...credono a tutto! Anche a chi per libera scelta vive da molti anni ad Oggiono, ma dice "la mia città" riferendosi a Lecco! Che furbacchione, quel Lorenzo! I suoi errori li han pagati i lecchesi, lui non ci ha perso un centesimo: è forestiero!

È perciò indispensabile in ogni settore, ma soprattutto in quello politico ed amministrativo, un ricambio di personaggi con l'apporto di nuova linfa, di progetti ragionevoli, di abnegazione ed entusiasmo: chi da 22 anni vive di politica abbia il buon gusto di farsi da parte: ci è già costato troppo!Credo fermamente che Negrini saprà circondarsi di validi collaboratori e saprà risollevare le sorti della nostra amata Città, oggi ancora soffocata dalla crisi.

Il signor Piazza pontifica con toni saccenti, trasudanti volgare alterigia e pacchiana supponenza. Tenta goffamente di umiliare avversari dotati dell'intelligenza, dell'umanità e del buon senso che a lui mancano; gli porgo perciò auguri di serenità e tranquillità: ne ha tanto, tanto ma tanto bisogno! La paura di perdere, di aver puntato sul cavallo sbagliato, di vedersi costretto a portare i Beagle della Brambilla a fare i bisogni... stroncherebbe anche persone più dotate! Il rampollo, agitandosi nel darsi le arie, è caduto dal ramo: resta il pollo!

Lucia Cagliani, Lega Nord

I più letti
Torna su
LeccoToday è in caricamento