Profughi in provincia, Nogara (Ln): "Non abbiamo più posto"

Il Segretario leghista contro il Governo: "Non vogliamo altri profughi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Ora basta! Per l’incapacità di governare del Governo Renzi non possiamo continuare a pagare e subirne tutte le conseguenze sempre noi!

In provincia di Lecco non c’è posto per neanche un profugo in più e se dovessero venire individuati altri posti in strutture convenzionate, che vengano assegnati alla nostra gente, a chi ha pagato le tasse fino a ieri e oggi non ha più un posto di lavoro e non riesce a pagare l’affitto, magari con figli a carico, o ai nostri anziani in difficoltà!

Invece no, il Governo corre per trovare un posto per far alloggiare i profughi, ma delle difficoltà e situazioni di vita estreme della nostra gente non gliene importa nulla. La Prefettura rimandi al mittente la richiesta di individuare posti per nuovi profughi e che i sindaci inviino in Prefettura un elenco dei soggetti bisognosi di alloggio e sostentamento residenti nei propri comuni, e che questi abbiano la priorità! Perché se vi sono le risorse per mantenere vitto e alloggio ai profughi allora ci sono anche le risorse per la nostra gente bisognosa!

Il Governo se ne faccia carico, o la nostra gente vale di meno di un profugo? La nostra gente in difficoltà cosa deve fare per farsi ascoltare dal Governo? Deve uscire dall’Italia e rientrare su di un barcone? Ora basta! Il Governo sta tirando troppo la corda e rischiamo che questa volta si spezzi.

Non vogliamo altri profughi dei quali non conosciamo da dove arrivano, che condizioni sanitarie abbiano, chi sono, se siano dediti alla delinquenza nel loro paese, e dei quali, dopo un po’, una buona parte sparisce facendo perdere le proprie tracce finendo nelle mani della delinquenza. Nel nostro paese, in piena crisi, oggi non c’è spazio e modo di integrare questa gente, non ci sono le condizioni per garantire loro un futuro dignitoso.

Chi oggi insiste per favorire un ingresso massiccio e incontrollato, un’invasione, ha come unico intento la disgregazione della nostra società, della nostra cultura, dei nostri valori, e costoro troveranno nella Lega Nord un muro invalicabile. Anche per questo il 28 febbraio anche da Lecco andremo a Roma in massa per dire no al Governo Renzi, per dire no a questo modo di fare politica, per garantire un futuro sereno ai nostri figli, un futuro che oggi è seriamente e gravemente minacciato!
 

Flavio Nogara, Segretario provinciale Lega nord

Torna su
LeccoToday è in caricamento