menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il senatore Arrigoni contro l'Imu agricola: "Un vergognoso pasticcio"

Il parlamentare calolziese annuncia un emendamento alla Legge di stabilità per cancellare l'Imu sui terreni agricoli montani non coltivati

Una "demenzialità vessatoria": così il senatore Paolo Arrigon (Ln) definisce l'Imu sui terreni agricoli, che a Lecco andrà pagata da tutti i proprietari in seguito al decreto dello scorso 6 dicembre.

Anche con la proroga di quaranta giorni per il pagamento (annunciata dal sottosegretario Zanetti, ma non ancora approvata), il decreto sull'Imu dei terreni agricoli montani non sfruttati da agricoltori resta una demenzialità vessatoria per i proprietari, che già sostengono costi elevati per la manutenzione e la prevenzione del rischio idrogeologico del proprio territorio».

Il senatore calolziese annuncia un emendamento alla Legge di Stabilità che punta a sopprimere l’imposta, a firma della Lega Nord: «Non ci accontentiamo di rattoppi in extremis, vogliamo cancellare questa vergogna».

«L’Imu agricola sui terreni montani rimane un vergognoso pasticcio», secondo il senatore, anche nel caso in cui fosse approvata la proroga. «Mentre il Governo dorme e sogna il rinvio della scadenza, i 4330 Comuni cui sono stati scippati 365 milioni, ben più dei 350 voluti da Renzi per pagarsi il bonus degli 80 euro, sono stati costretti ad avvisare i cittadini della tragedia incombente con scadenza 16 dicembre». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento