«Newsletter del sindaco su pec ed e-mail personali: valutiamo l’intervento del Garante»

Emilio Minuzzo, Simone Brigatti e Gianni Caravia (Lecco Merita di Più) criticano la gestione della comunicazione comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Nelle ultime settimane abbiamo ricevuto segnalazioni da parte di cittadini lecchesi che stanno ricevendo sulle proprie e-mail e pec personali la newsletter del Sindaco, cosa mai accaduta prima con le precedenti amministrazioni: non riusciamo a capire come in un mondo dove (correttamente) la privacy la fa da padrone, sia possibile utilizzare un'informazione data per fini istituzionali (es. pagamento tributi) per fini propagandistici. Esistono e sono sempre stati utilizzati infatti il sito e i social comunali per questo tipo di comunicazioni, perché permettono di raggiungere l’intera cittadinanza e non solo una parte di essa, ossia quella di cui si conoscono le mail perchè magari inconsapevolmente tempo addietro aveva dato il consenso (anche se ci risulta che ciò avvenga solo da poche settimane).

Non riteniamo assolutamente corretto questo modus operandi, che si era già manifestato anche durante la scorsa campagna elettorale: per questo valuteremo se chiedere l’intervento del Garante della privacy.

Ancora una volta questa Amministrazione si dimostra lenta e farraginosa nel mettersi all’opera per risolvere i problemi dei cittadini, ma abilissima e velocissima nelle attività di marketing e pubblicità. Meno webinar e più strada, c’è bisogno di fatti e non newsletter!

Emilio Minuzzo
Simone Brigatti
Gianni Caravia
Lecco Merita di Più

Torna su
LeccoToday è in caricamento