menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavori per la riqualificazione del Tribunale e di piazza Affari sono iniziati nel 2002

I lavori per la riqualificazione del Tribunale e di piazza Affari sono iniziati nel 2002

Piazza Affari, per i Cinque stelle è "uno scandalo a cielo aperto"

I pentastellati lecchesi denunciano lo stato della piazza e del Tribunale, area di cantiere da dodici anni

Il Movimento 5 stelle lecchese tiene gli occhi ben puntati alle elezioni comunali che determineranno il nuovo Sindaco di Lecco nella primavera del 2015, e lo fa anche sollevando questioni riguardo alle criticità del capoluogo.


Dopo gli appelli rivolti all'amministrazione riguardo l'edilizia scolastica e la polemica sui lavori in corso Matteotti e l'eccessiva durata delle operazioni di ripavimentazione, i pentastellati lecchesi si concentrano su un altro tema caldo per chi vive o lavora in centro città.


«Sono passati oltre dodici anni da quando, pomposamente, l’amministrazione comunale di allora, area centrodestra a guida Lega, dava il via all'opera di riqualificazione del Tribunale e di piazza Affari: un progetto che avrebbe dovuto essere un fiore all’occhiello di una città che, già allora, si beava nell’ipotesi di divenire anche una meta turistica - si legge nel comunicato a Cinque stelle - molta acqua è passata sotto il Ponte vecchio e giunte e governi, di diversi schieramenti e colori, si sono succedute, ma la burocrazia no, quella è rimasta uguale, ottusa e sorda, portandoci alla disastrosa situazione odierna».


«I pentastellati ribadiscono con forza il problema degli allagamenti in quelli che dovrebbero essere i piani sotterranei del nuovo, se mai sarà completato, parcheggio della piazza: "È noto a qualsiasi lecchese che le cantine delle abitazioni limitrofe a piazza Affari, con il salire del livello del lago, si riempiano d'acqua - scrivono i "grillini" - perché il parcheggio con ben due piani sotterranei avrebbe dovuto avere un comportamento diverso? I pozzi previsti per contrastare la falda acquifera necessitano di pompe per lo smaltimento delle consistenti acque: qualcuno si è chiesto all’epoca, ma anche successivamente, quale sarebbe stato il tributo di energia e relativi costi che avrebbero inciso e incideranno perpetuamente sulla gestione, e che i cittadini dovrebbero pagare?»

Piazza Affari Lecco (4)


Un problema che, oltre economico, è anche strettamente pratico: «Sono dodici anni che la città, carente di parcheggi a supporto delle residenze e delle attività commerciali, ha sacrificato molte decine di posti auto a beneficio del nulla. Possibile che di tutti questi errori macroscopici nessuno sia mai obbligato a pagarne le conseguenze se non la città e gli stessi cittadini lecchesi?»


Per i Cinque stelle del capoluogo piazza Affari, dopo 12 anni di lavori, «non è solo un'opera incompiuta bensì una putrida, maleodorante e squallida discarica. Lo scheletro del nuovo tribunale, già orribile nella sua architettura e nello spregio del maestoso ambiente naturale circostante, oggi assume le sembianze di un monumento all’inutilità ed allo spreco, ricettacolo di drogati e balordi in centro città, nella vicinanza di parchi pubblici e di aree verdi utilizzate dai nostri bambini. Il tutto senza chiedere scusa ai negozianti che, nonostante tutti i disagi, ancora, cercano di portare avanti un'attività che, a quanto pare, le giunte avvicendatesi in questi dodici anni non ritengono degne di venir esercitate in un luogo pulito e ordinato».


La responsabilità è di tutte le istituzioni, concludono duramente i pentastellati: «Il rimbalzo delle responsabilità, anche in questa vicenda è imbarazzante, e coinvolge forze politiche, siano esse di centrodestra o di centrosinistra, amministrazioni precedenti e attuali e altre istituzioni ad ogni livello. Uno scandalo autentico che la lunghezza dei tempi sembrava aver diluito nella dimenticanza, ma che l’opportunità della denuncia ha riproposto in tutto il suo clamore».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento