menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il gazebo della Lega Nord in Piazza XX Settembre a Lecco

Il gazebo della Lega Nord in Piazza XX Settembre a Lecco

Lega Nord: "Vieni a firmare i nostri 5 referendum"

E' proseguita anche oggi a Lecco la campagna di raccolte firme da parte della Lega Nord per la proposta di 5 Referendum.

"Penso - sottolinea Giulio De Capitani Commissario della Lega Nord Lecco - quello che sta facendo più presa fra le gente è quello che riguarda la stramaledetta Legge Fornero che ha messo per strada 160mila persone, che non hanno più ne pensione, ne lavoro. Di questi sono riusciti a recuperarne 30mila, gli altri si sono venuti a trovare in una situazione veramente difficoltosa".

"L'altro referendum u cui stiamo lavorando è quello contro la Legge Merlin del 1958 che in pratica aveva chiuso le famose 'case chiuse'. Questa legge non ha eliminato la prostituzione, anzi ha generato una flusso di criminalità e di denaro costante che girano intorno a questa attività. Donne ridotte alla schiavitù e costrette a prostituirsi".

"L'abolizione della norma a favore degli extracomunitari che permette loro di partecipare ai concorsi pubblici. Abbiamo tanta disoccupazione, soprattutto giovanile e non c'è bisogno di norme che favoriscano coloro che sono appena arrivati. C'è il 13% di disoccupazione media e se non aboliamo da subito questa norma non andiamo tanto lontano".

"Altro tema fondamentale su cui stiamo raccogliendo le firma è quello dell'abolizione delle prefetture. Visto che ormai le province sono state abolite, non vedo perchè anche questa istituzione debba rimanere. Non abbiamo niente contro i prefetti e coloro che vi lavorano come persone, ma si tratta solo di un'istituzione che ha fatto il suo tempo, una semplice emanazione dello stato centrale ed i compiti riguardanti la sicurezza queste possono essere tranquillamente svolte dalle questure, mentre per le altre incombenze ci possono pensare altri uffici dell'amministrazione pubbliche".

"Infine stiamo raccogliendo le firme contro la cosiddetta 'Legge Mancino del '93', che prendendo spunto da una volontà di eliminare qualsiasi forma di discriminazione razziale che in quel periodo erano in atto ha finito per tappare la bocca a tutti coloro che vogliono esprimere semplicemente le proprie opinioni a carattere identitario, per cui si corre il rischio di trovarsi di fronte ad un giudice ed essere incriminato per reati di opinione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento