menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riccardo Fasoli, sindaco di Mandello del Lario

Riccardo Fasoli, sindaco di Mandello del Lario

Motoraduno, Fasoli soddisfatto: "Sfortunati, ma non abbiamo fatto un lavoro vano"

Il sindaco di Mandello del Lario: "La gente mi ferma per strada e mi ringrazia con le lacrime agli occhi"

C'è soddisfazione, nonostante il maltempo, a Mandello del Lario per lo svolgimento del Motoraduno Internazionale della Moto Guzzi. A trasmettere le sue sensazioni è Riccardo Fasoli, sindaco di Mandello del Lario: tramite un post pubblicato sul suo profilo Facebook, il primo cittadino del comune lacustre ha infatti raccontato le ultime 24 ore, passate tra emozioni contrastanti.

Il messaggio

"Ora che mi sono asciugato dalla pioggia che non ha smesso di scendere da sabato alle 16:30 fino a questa mattina, mi permetto di scrivere due righe su questo bellissimo e sfortunatissimo Motoraduno Internazionale - ha scritto il sindaco Fasoli - La pioggia, tanta e tanto annunciata è arrivata. Era l'edizione in cui dovevamo dimostrare che le grandi presenze non sono solo quelle degli anniversari ma che se ci si organizza bene si può fare ogni anno. Questo tempo ha lasciato ancora il dubbio ma, fatte le premesse di cui sopra, abbiamo avuto un grandissimo successo. Non è questione di sparare numeri, ma le persone che abbiamo visto al banco del comitato ed in piazza nonostante la tormenta sono state tantissime!"

"Le moto storiche ed il patto di astensione - ha proseguito - le speciali del Taj, la via del Naco, la sfilata di moda, le vetture dei record, i sidecar ed i motocarri di Moto Guzzi a tre ruote, il truck di Citta Motori, il Pulman Azzurro, la Huracan! , la Mostra di Ettore Gambioli, quella sul premio Viettone, il Muro della Morte,il Motoaquila, la musica dei The Midnight Kings e degli Alto Voltaggio, dottor Feelgood!, Il cibo delle associazioni Mandellesi, la custom road, la nuova rotonda con la scultura di Fabio Comelli... Un grazie sincero a tutte le associazioni e alle persone che hanno reso possibile tutto ciò: lo sforzo fisico e mentale di portare avanti l'evento sotto l'acqua è stato immenso. Grazie a tutte le forze dell'ordine, alla Protezione civile, al soccorso degli Alpini, ai City Angels. Ci spiace che, causa meteo, tantissime persone si siano persi tutto questo. In questi gironi siamo un pò scoraggiati, la sensazione è quella di aver fatto tanta tanta fatica (gratuita) per nulla. Poi pensi alla gente incontrata in questi tre giorni che magari non è mai stata al raduno o non ci viene da molto tempo: ti ringraziano e, con gli occhi pieni di gioia, ti fanno tantissimi complimenti. Allora li ti rendi conto che non abbiamo lavorato per nulla e che ci sono tante persone che, sperando in un clima migliore, si sono già segnate le date del prossimo anno."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento