menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

M5S Lecco: "Il nostro programma elettorale lo costruiremo insieme ai lecchesi"

Nel pomeriggio di oggi, venerdì 6 febbraio, presso il circolo Arci La Ferriera del rione San Giovanni di Lecco, il Movimento 5 Stelle di Lecco ha presentato il candidato sindaco alle prossime elezioni comunali di Lecco.

Massimo Riva candidato sindaco del comune di Lecco del Movimento 5 Stelle di Lecco è stato presentato oggi, venerdì 6 febbraio, presso il circolo Arci La Ferriera del rione San Giovanni di Lecco. Dal 1976 residente a Lecco, laureato in economia e commercio Riva, diplomato al liceo scientifico Grassi, poi l’Università di Bergamo dove si è laureato nel 2001 e poi il primo lavoro in banca.

“Il mio primo approccio alla politica – esordisce Riva – è avvenuto subito ed esclusivamente con il Movimento 5 Stelle, anche se per la precisione all’inizio si trattava del blog di Beppe Grillo, poi divenuto M5S dal 2009. L’esordio della mia attività politica è stata la raccolta firma per partecipare alle elezioni regionali e poi via via ho seguito il susseguirsi di tutti gli avvenimenti politici. Oggi mi ritrovo qui a presentare la mia candidatura alle prossime elezioni comunali a Lecco e nei prossimi giorni presenteremo on line il nostro programma che stiamo definendo sulla base delle istanze dei lecchesi che abbiamo raccolto nei mesi scorsi attraverso i diversi banchetti”.

“Abbiamo partecipato – prosegue il candidato sindaco pentastellato –a molte sedute del consiglio comunale attualmente in carica, lo abbiamo commentato, criticato e da lì ci siamo convinti che per i prossimi anni c’è la possibilità di proporre una Lecco differente ed infatti il titolo del nostro programma si chiama “Un’altra Lecco è possibile”.

“Abbiamo scelto il circolo Arci – spiega ancora Riva – perché è un luogo che abbiamo visto nascere visto che noi ci trovavamo anche quando si chiamava Circolo Bonfanti, noi non abbiamo una nostra sede che è retaggio dei partiti, non sentiamo la necessità di sede di rappresentanza, non vogliamo gravare sulle tasche dei cittadini, a livello nazionale abbiamo restituito 42milioni di euro di finanziamento ai partiti ed abbiamo dimostrato che si può fare politica spendendo pochissimo, non chiediamo nulla a coloro che fanno parte del nostro Movimento”.

Su web la possibilità di leggere il programma e condividerlo: “A partire da lunedì 9 febbraio pubblicheremo la prima bozza del nostro programma che verrà implementato e definito nelle settimane a venire. Contiamo molto sugli incontri che faremo sul territorio per ascoltare le proposte dei cittadini. Il messaggio che passava tempo addietro  che il Movimento era solo protesta è stato superato, ora siamo giunti al  momento delle proposte ed a testimoniarlo c'è il nostro programma delle cose che abbiamo in mente di fare da qui alle elezioni”.

Su chi compone la lista M5S Riva ha le idee chiare: “Non siamo politici di professione e se non arriveremo al consiglio comunale torneremo alle nostre occupazioni anche se continueremo a monitorare cosa accadrà nel comune di Lecco.  Mi preme sottolineare che noi vogliamo ridare speranza alla cittadinanza lecchese attraverso una più attiva partecipazione dei cittadini, coinvolgendoli nella gestione della macchina comunale, dove le decisioni verranno prese da loro e noi ci faremo i portavoce. Stiamo costruendo i componenti della lista che nelle prossime settimane verrà definita, con un’età media non troppo elevata e con qualche politico che nei decenni scorsi, aveva avuto delle esperienze politiche e che non ha mantenuto per molto tempo contatti con la vecchia politica. In ogni caso la lista sarà composta per la maggior parte da lecchesi, anche se è aperta anche a qualche non residente, perché in previsione Lecco dovrà assurgere ad un ruolo sempre più importante e quindi il ruolo di collaborazione con il territorio circostante sarà sempre più importante”.

I punti chiave del programma elettorale sono 14: “Urbanistica che il PGT ha reso Lecco invivibile, ambiente, ciclo dei rifiuti e lo smaltimento rendendolo più leggero e meno caro,  mobilità e viabilità cittadina attualmente molto critica con una particolare attenzione alle strade, parcheggi e trasporto pubblico con proposte concrete su Linee Lecco, l’acqua pubblica e l’energie fonte rinnovabili che sono i nostri elementi contraddistintivi, sicurezza e vigilanza altra nota dolente di questa città che non ha presidio del territorio, attività economiche e produttive che in questi anni ha visto perdere la sua vocazione senza trovarne altre fermando quella desertificazione produttiva degli ultimi decenni, la scuola infanzia e cultura che è la parte sulla quale si basa il futuro del lecchese del domani, lo sport e le politiche giovanili area su cui Lecco è rimasta indietro e sulle quali c’è molto da fare, l’assistenza sociale e gli anziani fasce deboli con molte criticità che Lecco in questi anni ha abbandonato anche a causa del taglio di quei servizi sociali essenziali, la partecipazione, la democrazia diretta e la trasparenza rendendo il cittadini lecchese attivamente partecipe nelle scelte e l’amministrazione del comune attraverso il bilancio partecipativo. Infine l’ultimo capitolo del nostro programma è il bilancio che abbiamo studiato a fondo stabilendo che i soldi ci sono, basta eliminare gli sprechi e rendere più efficiente la macchina comunale”.

 Il programma degli eventi da qui alle elezioni è fitto: “Abbiamo in mente di fare degli incontri con la cittadinanza, dove si parlerà di bilancio, di cose da fare e quello che non ha funzionato negli ultimi anni. Siamo convinti che negli ultimi anni gli amministratori che hanno amministrato il comune di Lecco siano sempre stati gli stessi, magari alternandosi, ma sempre gli stessi. Noi contiamo di portare novità e rinnovamento”.

Avete in mente apparentamenti con altri partiti: “La sera stessa delle elezioni sulla base dei risultati trarremo le nostre valutazioni. E’ chiaro che se dovessimo vincere le elezioni abbiamo in mente di portare a casa le nostre istanze. Nel caso di ballottaggio quella sera ascolteremo cosa hanno da dire i lecchesi ed in ogni caso non siamo disposti a mercanteggiare assessorati. Resta il fatto che siamo a disposizione al confronto con le altre forze politiche e ci piacerebbe farlo su molti temi. Il nostro obiettivo è la vittoria anche se sappiamo che l’attuale sindaco Brivio è un avversario tosto. Ci andrebbe bene anche il ballottaggio, contando sul fatto che noi renderemo conto ai cittadini tutto quello che faremo senza rispondere a nessuna lobby. Comunque va bene anche un consigliere perché siamo sicuri che porterà le istanze dei cittadini”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento