menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nava, Lupi, Salini, Boscagli, Piazza

Nava, Lupi, Salini, Boscagli, Piazza

Maurizio Lupi: "i nostri valori sono la famiglia e l'impresa"

Presentati oggi pomeriggio alle 18, presso la sala convegni di Confcommercio, il Nuovo Centro Destra ha presentato Maurizio Lupi, capolista, e Massimiliano Salini, candidati alle prossime elezioni europee del 25 maggio.

Famiglia, impresa, incontrare e capire le esigenze della gente, degli imprenditori, stare sul territorio, ritornare a fare campagna elettorale con il famoso "porta a porta", sono i punti fondanti della sfida elettorale del Nuovo Centro Destra.

Ad introdurre gli interventi di salini e Lupi sono intervenuti il presidente della provincia di Lecco Daniele Nava, il consigliere regionale Mauro Piazza ed il consigliere comunale a Lecco Filippo Boscaglia.

"Questa - esordisce Daniele Nava - è una tappa fondamentale per il nostro partito perchè ci misureremo con l'elettorato in un momento grave e pesante per il nostro paese. Lo vediamo facendo il porta a porta per convincere la gente ad andare a votare, perchè non andare a votare vuol dire mettere al potere gente che non sarebbero mai stati eletti. Noi ci mettiamo la faccia ed è per questo che noi ci presentiamo a testa alta, con i nostri valori ed il nostro modo di essere".

"Non sono qui per parlare le disavventure che stanno imperversando a Lecco in questi giorni - prosegue Filippo Boscagli. Voglio invece parlare di quello che non va nel nostro territorio come il Centro Sportivo del Bione e lo stato pietoso in cui versa. Abbiamo incontrato i ragazzi del Rugby Lecco che ci hanno chiesto di valorizzare quelle strutture, di poter intervenire per ripristinare al meglio i campi di calcio e di rugby. Ci siamo anche confrontati con le mamme lecchesi le quali ci hanno chiesto di poter scegliere la scuola dove mandare i propri figli. Infine abbiamo incontrato un imprenditore che ci ha chiesto di valorizzare la libera impresa, i piccoli imprenditori, senza che vengano considerati degli evasori. Per risolvere questi problemi la gente ci ha chiesto che la politica si occupi di questi bisogni".

"Dobbiamo portare le nostre proposte in maniera più vigorosa altrimenti - interviene Massimiliano Salini presidente della provincia di Cremona -poi non ci dobbiamo stupire se Grillo sfonda di più tra la gente.  In questi giorni per far campagna elettorale sono stato sul territorio per incontrare la gente e questo mi ha e mi sta dando molto, mi ha arricchito. Conoscere la gente vuol dire capirne ed ascoltarne le esigenze. Per stare sui temi territoriali voglio spiegare cosa abbiamo fatto a Cremona. Tramite un bando abbiamo inserito in un fondo il patrimonio della provincia ed affidandone la gestione a persone capaci che hanno saputo trarne profitto. La nostra crisi economica non è tutta colpa dell'Europa, perchè le stesse regole che ci sono nel resto d'Europa le abbiamo anche noi in Italia. Il problema è la farraginosa applicazione che ne facciamo di queste regole. Concludo sottolineando che la nostra proposta, la proposta del Nuovo Centro Destra è basata sulla famiglia e l'impresa, pilastri decisivi ed importanti per la ripresa economica e su questo l'Europa non ha capito quanto siano importanti questi valori".

"I segni della nostra economia - conclude Lupi -ancora una volta sono in negativo e noi del Nuovo Centro Destra dobbiamo mettere in campo la nostra sfida per cambiare questo trend. Lo vogliamo fare con una politica con la P maiuscola e semplice, basata sulla famiglia e l'impresa. Solo cambiando l'Italia possiamo cambiare l'Europa, solo con un Italia più forte possiamo andare in Europa per cambiarla. Ed è su questa strada che ci stiamo muovendo ed in maniera concreta con una proposta basata sul quoziente famigliare cioè impostando gli aiuti sulla base della composizione famigliare e cioè sul numero dei figli della nucleo famigliare ed se se questo è mono reddito o vi sono due persone che vi lavorano. Inoltre non dobbiamo dimenticare quanto sia importante che le nostre infrastrutture funzionino e siano all'avanguardia. Non possiamo più accettare che una linea ferroviaria importantissima come la Lecco-Milano versi in queste condizioni, con treni vetusti, in cui ci piove dentro. Anche da qui passa la crescita del nostro paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento